Quello che so

segnalato da Adamo

dal sito di Paolo Nori

L’altro giorno ero in stazione a Bologna, dovevo andare a Parma con il treno delle 9 e 52, che parte dal primo binario del piazzale ovest, ho fatto per vidimare il biglietto, sulla vidimatrice ho trovato una ventina di bigliettini elettorali, quelli che si chiamano forse santini, grandi come un biglietto da visita, che invitavano a votare per uno che si chiama Zoffoli. C’era scritto, se non ricordo male, «Lascia un segno in Europa, scrivi Zoffoli», e Zoffoli era scritto con la Zeta che ricordava la zeta di Zorro.

Eran belli, devo dire, i santini di Zoffoli, mi eran piaciuti, solo che mi son chiestoo chi è che può aver pensato che uno che trova un santino sulla vidimatrice del primo binario del piazzale ovest della stazione di Bologna dopo vota per quello che c’è scritto su quel santino lì.

Che tra l’altro Zoffoli, come nome, mi era venuto in mente che da qualche parte nell’opera del grande poeta romagnolo Raffaello Baldini ci doveva essere scritto «Non son mica la serva di Zofoli», e sono andato in rete a cercare ho trovato che «Fare la figura della serva di Zoboli», in Romagna, vuol dire «essere uno sprovveduto», perché la serva di Zoboli, o di Zoffoli, o di Zofoli, c’era scritto in reta, era una ragazza di paese che oltre a dover mettere in ordine a casa di questo Zoffoli, o Zoboli, o Zofoli, è passato del tempo non si sa bene, doveva giocare a carte con lui tutte le sere.

Zoboli, o Zoffoli, o Zofoli, che era bravo, a giocare, vinceva tutte le sere e si riprendeva tutte le sere la paga giornaliera della sua serva che, poveretta, lavorava gratis, c’era scritto in rete.

E a me era sembrato così strano, questo nome Zoffoli, che mi era venuto in mente Michele Serra, che si era lamentato, qualche giorno prima, che uno gli aveva rubato l’identità su facebook, e a proposito di identità rubate mi era venuto in mente anche Alberto Moravia che, come si sa, in realtà si chiamava Pincherle, Alberto Pincherle, e Moravia era uno pseudonimo, e quando Alberto Pincherle detto Moravia aveva saputo che c’era un Alberto Moravia che si chiamava veramente Alberto Moravia che voleva pubblicare un romanzo, gli aveva fatto causa, e i giudici avevan dato ragione all’Alberto Moravia finto e avevano impedito all’Alberto Moravia vero di pubblicare un romanzo con il suo nome, che è una storia che a me sembra incredibile anche se, mi rendo contro, non c’entra niente, con Zoffoli, o Zoboli, o Zofoli.

Che però Zoffoli, devo dire, a me delle elezioni europee del 25 maggio non interessava molto fino a quando non ho trovato il santino di Zoffoli, che adesso son proprio curioso: riuscirà Zoffoli, con la sua temeraria campagna elettorale ferroviaria, a guadagnare un posto al parlamento di Strasburgo? O si dice di Bruxelles? Non so proprio niente.

Annunci

108 comments

    1. A quando la scissione dei 5S?

      sta già avvenendo?

      Ci sono gli spazi politici per creare un nuovo soggetto politico,
      un’isola di sperimentazione per tutti i “naufraghi” e futuri “pirati”

    2. Giulia, la mia posizione personale è molto simile a quella di luigi… Ovvero aspetto di capire esattamente di cosa stiamo parlando. L’incontro con farage potrebbe essere solo fumo lanciato negli occhi di chi sta decidendo le spartizioni di poltrone, per formare un gruppo dovrebbero essere 25 eletti di 7 paesi diversi… Quindi immagino che sia grillo che farage abbiano solo cercato di fareun poz’ di casino e confusione con questo incontro.
      Poi se invece dovessero esserci degli accordi vedrò di che accordi parliamo… Per ora non voglio neanche spendere troppo tempo a fare analisi perchè magari alla fine non ci sarà nulla da analizzare.
      Rispetto al fatto che la sarti si sia espresa così… Questo è un momento di gran confusione nel movimento… Sarebbe secondo me il caso di guardare attentamente cosa sta succedendo perchè si potranno capire tante cose e soprattutto perchè aver perso spacca un po’ il blocco monolitico che invece stava insieme sulla base dell’entusiasmo. In fin dei conti questa scoppola a chi guarda al movimento sia con fiducia che curiositá potrebbe essere utile per capire meglio… Oltre naturalmente ad essere utile al movimento stesso perchè nei momenti difficili tiri fuori sia il meglio che il peggio di te… E così questo movimento si rivelerá, anche perchè stavolta mi sa che non ci sará grillo a proteggerli e tirargli via le castagne dal fuoco… Anche se ad esempio incontrare farage potrebbe servire ancora una volta a catalizzare l’attenzione su di se e fare in modo che i ragazzi in parlamento non siano troppo pressati sui dati della sconfitta… Come giá altre volte ha fatto…

      1. grillo sarebbe stupido a fare accordi. non li farà.
        ma stupido (e qui ci vuole, mi dispiace) è credere che i sorrisi e gli abbracci con farange siano neutri.

  1. OT

    Riguardo alla questione Boschi stropiccia i bimbetti e le bimbette congolesi e, in generale, all'”immagine in politica”. Cito un fumetto perché viviamo, in effetti, in un fumetto.
    Dal minuto 1:48 in poi.
    “Parlo con moderazione ma ho un grosso bastone”.
    “Parlo forte, ho un grosso bastone e lo uso”
    “I bambini. Dove sono i bambini?”

    1. sei sempre il sinistro che coerentemente vuole smantellare lo stato sociale ?
      Va’ in pescheria con Marco, se sei fortunato un pesce in faccia lo rimedi.

      1. Ridurre l’intermediazione dello stato in una società corrotta è un dovere morale.
        Abbassare le tasse e ridurre i centri di spesa è una priorità.

        Ho visto gente insospettabile dire che avere 42 centri di spesa non sarebbe un problema in Italia. Certo, come no.

        1. 42 mila centri di spesa.

          Una società corrotta fino al midollo non si può permettere una spesa pubblica molto grande. E io non ho nessuna voglia di passare la mia vita a fare il moralizzatore giacobino.

            1. se non sbaglio si definisce il centro di spesa quei centri di costo a cui assegniamo un massimale di spesa, non potendolo definire numericamente in anticipo e dando il compito a chi lo gestisce di tenersi al di sotto quel massimale…

              1. I centri di spesa sono quelli dotati di autonomia discrezionale.

                Ovvero quelli che in Italia funzionano secondo la regola, spendo tanto non sono responsabile e pagano altri.

                1. si, penso che vengono assegnati alla stesura del bilancio preventivo, dove chi gestisce i vari centri di spesa farà pressioni per ottenere un massimale maggiore con la scusa di non rientrarci, quindi la discrezionalità è decentrata e autonoma, credo che ci sarà anche un organismo di controllo? chiaramente un numero elevato complica e di molto anche il controllo stesso…

                  1. Quando Renzi è andato in televisione a dire che riduceva i centri di spesa a 200 da 40 mila, sono spuntati i bocconiani della confindustria in tele a dire che era un buffone e che non serviva nulla.

                    Certo per loro è meglio tenere le centrali dello smazzo (vedi sanità) e tagliare le prestazioni.

                    Chiediti perchè. Chiediti che ci mangia con gli appalti e quanti imprenditori monocommittenti abbiamo.

                    1. non ti pare che messa così e spiegata meglio potrebbe essere più utile a capire che il messaggio a taglione che spesso usi? siamo qui anche per capire meglio e farci prendere meno per il culo, sempre nel massimale delle nostre modestissime capacità

                    2. è una costante di renzi, ogni due parole un equivoco….
                      aboliamo/riduciamo (senato, spese)

                      abolite e riducete a giorni alterni.

                    3. Tento.
                      Il sistema è corrotto.
                      Soluzione: limitare la corruzione.
                      Un fronte d’intervento (non certo l’unico, immagino): limitare i centri di spesa.
                      Cambia qualcosa, domando, se riducendo i centri di spesa da 40.000 a 200 (che mi pare, sì, una sbruffonata se allo slogan non si accompagna un piano preciso) invece di essere in 40.000 a fare una piccola cresta individuale saranno in 200 a farne una ben più gargantuesca?

                      (Fermo restando che sono a favore di una razionalizzazione e riduzione dei centri)

                    4. cmq la corruzione viaggia meglio su catene di controllo sovraccariche di lavoro, esempio ne è expo con lo sminuzzamento degli appalti creando un numero esorbitante di ditte appaltatrici cui è impossibile applicare le stesse rigidità di controllo, stesso discorso si può fare della giustizia, sovraccaricando le procure di lavoro anche per “futili” infrazioni le rendi meno efficaci, chiaramente si deve parlare di razionalizzare, il semplificare molte volte va in direzione opposta

        2. Non ti è chiaro il concetto di Stato Sociale, dimostri ignoranza nell’interpretare la Social-Democrazia. come renzie… confondete la mazzetta con il “Welfare”.

          Vi meritate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...