Come mai, come mai, sempre in culo agli operai?

di crvenazvezda76

Prevedibile quanto successo ieri ai metalmeccanici della AST di Terni.
Il modo in cui Renzi ha accolto l’esito della manifestazione di sabato organizzata dalla CGIL non lasciava presagire nulla di buono. Troppo grande il messaggio politico di quella piazza per non dare una risposta decisa, tangibile e immediata che seguisse il suo roboante “Non mi farò fermare da una manifestazione”. Troppo chiara la volontà sua, del governo e dei suoi seguaci di non smuoversi dalle posizioni assunte nel decreto lavoro. E poi le dichiarazioni della Picierno, che sembra non avere idea del funzionamento del sindacato. Nozioni superflue, se devi sparare contro come un Brunetta qualunque.

Ora sono curioso di sentire le dichiarazioni dei dirigenti Pd che sabato hanno fatto la passarella a Roma, e di vedere cosa faranno poi in Parlamento, quando si tornerà a discutere di lavoro.
Certo… non bisogna essere maghi per prevedere un legnoso “Forte indignazione per ciò che è avvenuto oggi a Roma” e un compìto “Votiamo la delega per responsabilità verso il partito”. Chissà se mi sbaglio…

Cambiano i governi, ma il trattamento riservato alla piazza non cambia: la cura del manganello non passa mai di moda.

 

181 comments

  1. l’immagine di 2lire e heiner pedagoghi mi inquieta non poco, deliri da febbre alta di Antonella ?
    indeciso se chiamare prima l’ambulanza (per Anto) oppure Telefono Azzurro (per la prole).

  2. “…… E da stamattina si torna a presidiare viale Brin. La casa di tutta Terni.”

    – Non ce la faccio piu’! Questo scrivere in automatico come le frasi di chiusura delle lettere commerciali senza anima e senza cuore. Anzi peggio con cuore finto ed infarcite di una retorica bolsa che si trascina stancamente.
    Avrei dovuto scrivere del corteo che sfila in una Roma indifferente, tra persone troppo intente a guardare gli schermi dei telefonini mentre altre fanno fatica pure ad articolare il pensiero: “Un corteo? Un altro? Chi saranno? Mi pare quelli di Terni, dove fanno l’acciaio”.
    Tra i lavoratori i pensieri inespressi vanno da “Ma che stiamo a fare? Concluderemo qualchecosa? Chissa’? Spero di si? Certo non riusciamo a pensare a niente di diverso. “Mi ricordo quando mi sentivo parte delle persone che ci guardavano. Chissa’ cosa pensano oggi? Forse quello che penso io o forse non pensano come me mentre sono nel corteo e grido e quel grido mi sembra provenire da qualcun altro”.
    Intanto i poliziotti guardano il corteo e pensano: “Ma cosa vogliono e perche’ cazzo devo stare qui a controllarli. Ma non possono restare li’ a Terni per risolvere la questione. A Roma? E per che cosa? Per andare in Televisione? Per parlare con il Ministro? L’ ambasciata? E che c’entra? Non capisco. Vengono verso di noi. Porca Troia adesso ci mettono nei casini. Ma perche’ sono qui? A me lo ordinano, ma loro?……………
    E da stamattina si torna a presidiare viale Brin. A Terni come a Roma, le persone continuano a scorrere il pollice sullo schermo dei loro smartphone.
    Qualcuno prima o poi sviluppera’ delle app per “sciopero”, “lotta di classe”, “rivoluzione”. Preferisco dedicarmi ad un’altra: “Alza lo sguardo dallo schermo”
    (Massimo Franchi, il vero articolo sulla manifestazione)..

    1. …Qualcuno prima o poi sviluppera’ delle app per “sciopero”, “lotta di classe”, “rivoluzione”. Preferisco dedicarmi ad un’altra: “Alza lo sguardo dallo schermo”

      La prima è possibile, ma sarebbe considerata “terrorismo informatico”.
      La seconda, per ora, è utopia: – senza schermo nessun luogo tranne l’orto con le zucchine. –

  3. “ecco. qui inizia la riflessione seria. chi avrà dato l’ordine?”

    caro heiner,
    e questa volta il caro è piuttosto sforzato (ma so che come sempre, te ne farai una ragione), il tuo commento avrebbe bisogno di una riflessione seria, cosa che non fai.
    Perché il “male” è stato mussolini e non tutti i ragazzotti che, sapendo di prendersela con soggetti non tutelati, si divertivano a manganellare o purgare i “diversi dal regime”?

    Nessuno ha dato l’ordine, basta creare il clima, la consapevolezza che chi hai davanti è una categoria sotto la tua, un “diverso”, un rompicoglioni non titolato, qualcuno inviso “a chi comanda” e basta il coglione di turno per dargli “quello che si merita”
    tutto di sua spontanea volontà

    ma te ne farai una ragione, merda e manganellate auspicavi, merda e manganellate arrivano.

        1. terzo piano, ma alto. praticamente a 15 metri dal suolo. anche di zanzare ne arrivano meno. il problema è il vento gelido, d’inverno. dovrei fare un ‘cappotto’ esterno, ma le impalcature fino a quassù costano, e gli altri inquilini nicchiano.
          dovrei anche rifare il tetto, ma idem come sopra. quel che si guadagna in odori si paga in gasolio.

    1. Sun so che heiner può essere urticante ai coglioni perchè è quello che vuole, ma la sua posizione è la più stimolante ed utile proprio per questo… le vostre due posizioni sono e non scherzo quelle più utili…

              1. io invece sono duro
                non capisco cosa intendi nello spostare una parte di ragione da un lato o dall’altro e il risultato che porterebbe
                e oltre che duro, sono anche cocciuto, e vorrei capire il tuo ragionamento

                1. Ad heiner non è che gli va bene così anzi tutt’altro non accetta lo schema per lui grossolano che te vedi come unica soluzione, anzi mette in evidenza quanto questo comportamento ( vedi estremizzazioni di congetture, scandali ed affini) portino ad una contrapposizione accentuata che acuisce i problemi invece di risolverli, non crede al tanto peggio tanto meglio mentre per te è l’unica soluzione… Sono posizioni che paiono all’antipodi ma che sono proprio per questo stimolanti e focali per riuscire a costruire, credo veramente fino a che queste due posizioni ben rappresentate da voi non riescono a trovare un piccolo casuale di striscio od altro motivo di convergenza avremo il Renzismo o chi per lui secolare

                  1. per quanto riguarda me va bene; su sun sei stato troppo veloce, sicuramente non confermerà.
                    ma anche volendo mettere i puntini sulle i e chiarire esattamente le nostre rispettive posizioni, di fatto sono le più lontane perché si scontrano sui principi (o sulle forme, o sulle impalcature, o come vogliamo chiamarle). non ci potrà mai essere convergenza, perché sosteniamo due principi opposti. le eventuali convergenze sui singoli temi a quel punto vengono meno (ammesso che esistano, ma io credo di sì)

                  2. marco, lo so che ad heiner non va bene la situazione attuale.
                    Vede chiaramente la situazione è molto più analitico di me. È per questo che mi incazzo.
                    io ammetto di essere un cialtrone, politicamente parlando, ed è proprio per questo che quando sento chi ha più “educazione” in materia che mi dice che si può solo tapparsi il naso e andare avanti, salvo perdere il lume della ragione solo davanti ad un gruppo di cialtroni (come me) del m5s, resto basito.
                    dov’era quella rabbia quando, un passo alla volta, hanno costruito l’Italia di oggi ?
                    come mai il bersaglio è sempre oltre la linea a mai al suo fianco ?
                    come ha fatto a giustificare gli sbagli commessi se è così intransigente ?

                    nella mia cialtroneria, renzi è nato e arrivato non per la contrapposizione che dici tu, ma per il modo di ragionare di heiner. Perché solo sfruttando un partito come il pd poteva arrivare dove è arrivato. Un partito che sfrutta il fatto di rappresentare gente come heiner, comportandosi però come forza italia.
                    il continuare a tapparsi il naso ha fornito il trampolino di lancio a renzi, e si continua a votare turandosi il naso.
                    Giuro che non capisco

                    non mi ricordo chi mi ha chiesto una volta che piano di salvataggio avevo, nell’eventualità che il m5s avesse vinto le elezioni.
                    questo é il modo di pensare che ha portato renzi al potere e che permetterà di mantenerlo a lui e a tutti i suoi compari di forza italia.
                    Pensare prima a quello che hai da perdere.
                    non perché io sono un eroe e neppure un folle suicida (credo), penso invece utilisticariamente, che il cambiamento ci può solo far stare meglio, ma se vince la paura e l’egoismo dell’oggi non ne usciremo.
                    Perché dopo il naso, per sopravvivere ci dovremo tappare le orecchie, poi gli occhi e alla fine non avrà più senso.
                    E non è un futuro lontano, lontano, tipo star wars

                    1. > nella mia cialtroneria, renzi è nato e arrivato non per la contrapposizione che dici tu,
                      mi riferivo non quanto all’arrivo che è frutto di una serie di concause ma quanto nella possibilità di contrasto…

                      mai pensato che sei cialtrone eroe o suicida, credo che ognuno ha dei percorsi propri di vita in cui si forma dei valori e delle idee, percorsi e momenti di vita che hanno influenza anche sulle aspettative e senso di questo nostro percorso, noi non siamo politici di professione ma persone che la vivano nel quotidiano… le posizioni di heiner ma anche di noi tutti sono influenzate da questo, per heiner credo che sia anche un momento particolare ma questa è una mia deduzione e riguarda solo la sua sfera personale

                    2. marco, non volevo metterti in bocca delle parole, le ho scritte io e le penso io

                      il contrasto a renzi senza contrastare il pd e quello che rappresenta (anche prima di renzi), come lo fai ?
                      se puoi votare solo renzi o forza italia o lega cosa cambi ? rimani dentro al giochino del monopoli che hanno creato ed in qualunque casella ti fermi paghi pegno.

                      e per togliere eventuali dubbi, stante le cose ribadisco che non rivoterò m5s

                    3. la possibilità di scegliere un voto alternativo te lo fotografa il 40% di astenuti

                      persa l’opportunità m5s, non avendo uno tsipras italiano che possa radunare e dare voce e speranza ai delusi, rimaniamo noi statisti da tastiera.

                      ok, vado a mangiare prima di rovinarmi definitivamente la giornata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...