Se Atene piange, Berlino ride

Atene annuncia: “Raggiunto accordo con i creditori internazionali”

Nel 2015 il deficit primario sarà pari allo 0,25 % del Pil. Passerà allo 0,5 % nel 2016, all’1,75% nel 2017 e al 3,5% nel 2018

Repubblica.it, 11 agosto 2015

L’accordo sugli obiettivi finanziari è un primo passo importante verso un’ intesa globale sul terzo pacchetto di aiuti alla Grecia, per un valore di almeno 82 miliardi di euro, che Atene e i suoi creditori stanno negoziando con la Ue, la Banca centrale europea e il Fondo monetario internazionale nell’ambito del meccanismo europeo di stabilità, da più di due settimane nella capitale greca, e che sperano di raggiungere molto rapidamente, forse nella giornata odierna.

Nel 2015 è stato deciso che la Grecia subirà un deficit primario (saldo di bilancio, esclusi i pagamenti di debito) pari allo 0,25% del PIL, un avanzo primario dello 0,5% del PIL nel 2016, 1,75% nel 2017 e 3,5% nel 2018, ha rivelato la fonte.

*

Se Atene piange, Berlino ride

La crisi greca ha favorito i conti delle aziende e dello stato tedesco. In quattro anni e mezzo di crisi, i benefici economici per la Germania legati alle difficoltà elleniche sono stati calcolati in oltre 100 miliardi dall’istituto tedesco Leibnitz. 

Repubblica.it, 10 agosto 2015

MILANO – ll proverbio di Aristodemo che vuole legate Atene e Sparta sia nella buona che nella cattiva sorte non si addice ai rapporti tra la capitale greca e Berlino. La Germania, infatti, non è uscita danneggiata dalla crisi dell’euro quanto Sparta dopo le guerre del Peloponneso che se da una parte videro Atene soccombere dall’altra videro indebolirsi anche la storica rivale. I tedeschi, a partire da Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble, che seguono una linea dura nei confronti della crisi economica e finanziaria della Grecia, hanno ottenuto molti vantaggi dalle difficoltà di Atene.

Secondo uno studio dell’istituto tedesco di ricerca economica Iwh, la Germania è il Paese che più si è avvantaggiato economicamente dalla crisi ellenica. Dal 2010 Berlino avrebbe risparmiato circa 100 miliardi di euro di tassi d’interesse, grazie alle riduzioni decise a più riprese dalla Bce. “Questo risparmio supera i costi della crisi, anche se la Grecia non dovesse fare fronte ai propri debiti”, scrive l’istituto: “La Germania dunque, in ogni caso, ha tratto vantaggio dalla crisi greca”.

Insomma i falchi tedeschi che non mollano la linea dura nei confronti della crisi economica e finanziaria della Grecia, sono gli stessi che per anni hanno ottenuto molti vantaggi dalle difficoltà di Stene. Secondo l’istituto Leibnitz i risparmi di bilancio da parte di Berlino superano il 3% del Pil nazionale. Gli economisti hanno realizzato diverse simulazioni partendo dall’ipotesi che nel pieno di una crisi economica gli investitori realizzano gli investimenti più sicuri possibili.

“Durante la crisi europea del debito, la Germania ha tratto vantaggio da questo effetto in maniera sproporzionata”, afferma Iwh, che spiega “risultano tassi simulati sui bond tedeschi in media tra il 2010 e oggi del 3% più elevati che nella realtà, il che ha comportato risparmi di bilancio globali di almeno 100 miliardi di euro egli ultimi quattro anni e mezzo”. La Germania ha inoltre registrato importanti contratti a seguito della politica di privatizzazioni portata avanti da Atene dal 2011, tra cui l’acquisto da parte della società Fraport di 14 aeroporti regionali greci, incluso quello di Corfù, per circa un miliardo di euro.

Leggi anche

23 comments

      1. http://it.reuters.com/article/topNews/idITKCN0QJ1BO20150814

        I ministri delle Finanze della zona euro valuteranno a ottobre una rimodulazione del debito greco per renderlo sostenibile.

        Lo ha detto il ministro francese Michel Sapin. Oggi a Bruxelles è in agenda una riunione dell’Eurogruppo per il via libera al terzo pacchetto di aiuti ad Atene dopo l’approvazione da parte del parlamento greco.

        “Siamo qui per decidere dopo il lavoro molto importante svolto dalle istituzioni e dal governo greco che si è assunto le sue responsabilità”, ha detto Sapin.

        “In autunno, a ottobre, dibatteremo cosa è essenziale: una rimodulazione del debito greco in modo che sia sostenibile, accettabile e consenta all’economia greca e al bilancio di Atene di respirare, di riprendere un po’ di ossigeno, di recuperare l’attività economica”. Sul sito http://www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su http://www.twitter.com/reuters_italia

  1. MODELLO RENZI

    La Grecia cresce più dell’Italia, tra asservimento ed espropriazione della propria democrazia, disgregazione sociale, disoccupazione e povertà
    “Il Pil greco cresce a sorpresa nel 2/o trimestre con un +0,8% sui 3 mesi precedenti messo a segno nonostante il durissimo negoziato con i creditori (-0,5% le attese degli economisti). Su base annua l’incremento è del 1,5%.”

    In Italia ci si accapiglia per aumenti reali o ipotetici dello 0,2 o 0,3%. Di nuovo la gran parte degli economisti e della informazione è tornata al suo ruolo essenziale: leccare il culo al governo e ai poteri.
    LA cosa che gli riesce meglio

    1. Temo che interpretare le statistiche sia meno facile di quel che sembra.
      In parole semplici: se l’anno scorso ho vinto al lotto (+10.000 per cento rispetto all’anno precedente) è difficile che quest’anno il mio reddito mostri un crescita altrettanto significativa.
      Se l’anno scorso ho perso tutto al casinò (-100% rispetto all’anno precedente) qualsiasi incremento del mio reddito di quest’anno significa solo che ho smesso di fare lo scemo.

      Comunque, a parte questa precisazione, sì, in Italia si giocherella che è un piacere con le cifre e “l’uscita dal tunnel”.

      1. FETICCI BUONI PER IMBASTIRE INGANNI
        volevodire che questi numeri non servono proprio a un caxxo, ma continuano a venderceli, A che erve sapere che forse c’p stato un aumento del PIL se aumenta la gente che vive male o sopravvive appena?

        1. A naso: smontare un dato significa avere qualche competenza e fare un po’ di fatica al riguardo.
          I bugiardi hanno un vasto repertorio di nuove bugie, di facile presa, per ‘smentire’ variamente chi li smaschera.
          La maggior parte delle persone, credo, non vede l’utilità di rompersi la testa per capire chi mente e chi dice la verità, nella convinzione rassegnata che “tanto non cambia nulla”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: