Grecia sotto ricatto

***

James Galbraith: “L’Europa si vergogni, ha ricattato la Grecia e l’ha resa disperata”

L’economista dell’Università del Texas: “Il piano approvato è una menzogna fin dalle prime righe. Va contro il volere del popolo ellenico”.

di Eugenio Occorsio – Repubblica.it, 15 agosto 2015

BRUXELLES. “Il piano approvato con tanta fanfara è una vergogna per l’Europa e per l’intera comunità internazionale “. L’irritazione di James Galbraith, economista dell’università del Texas, supera ogni immaginazione. “Leggete il documento approvato. È una menzogna fin dalla prima riga: “La Grecia – c’è scritto – ha chiesto aiuto ai suoi partner europei per risolvere i suoi problemi”. Niente di più falso. La Grecia è stata ricattata, spinta alla disperazione e poi costretta ad approvare un piano del genere, che va contro il volere del suo popolo espresso col referendum”.

Professore, non le sembrano un po’ forti, per usare un eufemismo, questi giudizi?

“Macché. Lo scopo, quasi dichiarato, della Germania e del potere costituito in Europa, era dimostrare che non c’è alternativa alla linea politico- economica prevalente, e che nessun Paese si può permettere di deviare perché viene schiacciato. Era sbarazzarsi di Syriza, e forse ci sono riusciti. Ma, la prego, continui a scorrere con me il documento…”.

Andiamo avanti, allora.

“Stiamo sempre sulle prime righe. C’è scritto che l’accordo servirà per ritrovare la crescita, per creare posti di lavoro, per ridurre le disuguaglianze e scongiurare i pericolo di instabilità finanziaria. Sono sconcertato. I risultati saranno esattamente l’opposto. Rilegga punto per punto e s’immagini il risultato opposto. La crescita sarà abbattuta, il lavoro diminuirà, le diseguaglianze si accentueranno, eccetera”.

Però come negare che l’instabilità della Grecia costituisca un problema?

“Ma certo. Però il modo per risolverlo era tutt’altro. Lo sanno tutti: andava finanziato un grande piano di investimenti in Grecia senza inseguire una solidità fiscale che comunque era perduta, solo allora si poteva pensare alla crescita. Ora tutto diventa più difficile. Ma l’ha letto il paragrafo successivo?”

Ancora?

“Legga con me. Il successo del piano richiederà ” ownership” delle misure da parte del governo greco. Vuol dire che Atene sarà padrona delle sue azioni e le deciderà liberamente. “Il governo perciò è pronto a prendere tutte le misure che riterrà opportune a seconda delle circostanze”. Quale menzogna. Per colmo d’ironia poche righe più sotto c’è scritto: “Il governo si impegna a consultarsi e concordare con l’Ue, l’Fmi e la Bce tutte le azioni rilevanti”. Eccola qui, la verità: a comandare sarà la Troika”.

Perché Tsipras ha accettato?

“Perché non aveva scelta. Voleva tenere la Grecia nell’euro ma era ricattato dalla Bce che minacciava di confiscare tutti i risparmi bancari e lasciare il Paese sul lastrico”.

Leggi anche

http://www.repubblica.it/economia/finanza/2015/08/16/news/agenda_mercati-121071012/?ref=HRLV-5

18 comments

  1. Ricomincia la svendita…

    Grecia, la tedesca Fraport fa shopping di aeroporti
    Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la privatizzazione di 14 aeroporti regionali al gestore tedesco, per 1,23 miliardi di euro. Si allenta la stretta sui bonifici. Tsipras al lavoro per decidere come destinare la prima tranche di aiuti, possibile lo slittamento di voto di fiducia ed elezioni.

    http://www.repubblica.it/economia/2015/08/18/news/grecia_privatizzazioni_tsipras-121168009/?ref=HREC1-5

  2. Salve a tutti e bentrovati

    sto leggendo il menù della cena Merkel-Renzi (&consorti) mi salta agli occhi il primo di PACCHERI (gamberi rossi e zucchine) e pensando alla valenza della parola paccheri (schiaffoni, ceffoni, insomma mazzate) mi è venuta una improvvisa voglia di servirli io personalmente di persona i lor signori.

  3. lavorano in meno di un centnaio su mille per un giorno e mezzo, ne avranno anche bisogno, m il fatto è che i crumiri son sempre esistiti. Per soldi o per altro, leccare ilculo pare sia attivitùà molto ambit.
    La consegna dei frigoriferi di “altagamma” era a 7 gorni e a ferragpsto?
    Cagate-. I giornalisti che si scandalizzano in quei giornistanno in vacana.
    Svvia, una azienda organizzata in questo modo tra un po’ sarà qui a battere cassa di nuovo

    1. Infatti. Pare davvero straordinario che l’azienda abbia avuto un’effettiva urgente necessità di far lavorare gli operai a ferragosto. Darei per certo che si è trattato di stabilire chi comanda, tra sindacato e impresa, o anche di sputtanare una manovalanza così ingrata nei confronti di chi ha mantenuto la fabbrica lì. Eccetera.

  4. la scorsa settmana mi è accaduta una cosa strana….
    ho incontrato Draghi durante una visita turistico-culturale.
    la meta è uno dei più grandi monumenti italiani con opere create e finanziate dalla Chiesa che -a quel tempo- era qualcosa di molto vicino allo “Stato”.
    la casualità dell’incontro non ha concesso nessuna possibilità di colloquio e comunque non sarei stato capace di fermarlo e dirgli una qualunque cosa
    ripensandoci oggi, ecco ciò che avrei voluto dirgli
    ‘si è reso conto che quelle grandi opere (anche nuove e sperimentali per l’epoca) furono realizzate solo grazie ai fondi “pubblici” della Chiesa’
    (anche se l’obiettivo della Chiesa era di mostrare il suo grande potere)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...