Pablo è vivo e lotta insieme a noi

di Pablo Iglesias (da esseresinistra.wordpress.com, 29 ottobre 2015, segnalato da n.c.60)

Parlamento europeo, Strasburgo – 27 ottobre 2015

Signor Presidente, la prima volta che ho parlato qui era quindici mesi fa per conto di questo gruppo. E’ stato un onore farlo ed è stato un onore competere con lei per la presidenza di questo Parlamento. Dissi allora che aspiravamo a un’Europa diversa, che fosse un po’ meno dura con i deboli e un po’ meno accomodante con i potenti. Credo, purtroppo, che la dichiarazione di quindici mesi fa rimane valida ancora oggi.

Ho ricordato, in quel discorso di quindici mesi fa, i soldati spagnoli che hanno combattuto contro il fascismo e contro l’orrore come il miglior contributo del mio paese per il progresso in Europa, come il miglior contributo del mio paese per un’ Europa sociale, un’ Europa democratica, un’ Europa rispettosa dei diritti umani. Quando sento le grida xenofobe in quest’Aula ricordo che nel mio paese, a quelli che insultavano, a coloro che terrorizzavano i deboli è stato detto «No pasarán». Ma mi dà fastidio sentire una certa ipocrisia in quest’Aula da coloro che piangono lacrime di coccodrillo e difendono – dicono di difendere – i diritti umani.

Signor Weber, lei ha parlato di estremisti per riferirsi a ciò che potrebbe accadere in Portogallo. Imparate a rispettare la democrazia. Comprendendo che, a volte, i cittadini votano diversamente da ciò che gli fanno credere di rappresentare.

(Applausi)

Il signor rappresentante del gruppo liberale –  spero che mi perdonerà, se dopo quindici mesi di pratica ogni mattina allo specchio, sono ancora incapace di pronunciare il suo nome – ha detto che questo non è un problema di socialdemocratici, liberali o popolari. In effetti, è così. In effetti, tutti loro hanno concordato gli elementi chiave che ci hanno coinvolto in una politica estera europea che stiamo pagando e che ha a che fare con la miseria e l’umiliazione di migliaia di famiglie che vivono sulla soglia dell’Europa.

Oggi si parla, ancora una volta, della guerra e della desolazione alle porte d’Europa, di famiglie a cui si sta rispondendo con il filo spinato. E io dico che noi europei non possiamo dimenticare che cosa significa la guerra, non possiamo dimenticare che cosa significano l’orrore e la povertà e del dovere di abbandonare l’orrore e la povertà. E non possiamo umiliare queste persone, perché ummiliare queste persone significa umiliare l’Europa. Come è umiliare Europa, signor Weber, eliminare il welfare state. Come è umiliare l’Europa eliminare i diritti sociali. E’ umiliare l’Europa consegnare i governi all’arroganza dei poteri finanziari e sferrare un attacco alla sovranità popolare. E’ umiliare l’Europa incoraggiare la frode fiscale, come ha fatto lei, Presidente Juncker. Proprio come lei, che ha favorito, quando era ministro Capo del Governo e Ministro delle Finanze – accordi commerciali segreti con le multinazionali di modo che potessero pagare le tasse al 1%, mentre i cittadini europei devono pagare altre tasse. E poi si parla di bilancio. E ci si siede lì, Jean-Claude Juncker, perché persone come lei, onorevole Pittella, ha permesso al signor Juncker di sedersi lì; perché voi, i socialisti,  state mantenendo una grande coalizione con i popolari in quest’Aula.

Quindi, e non le cito Dante, onorevole Pittella, si schieri con la gente e la faccia finita con questa dannata grande coalizione.

(Applausi)

Io ritorno al mio paese per non avere, perchè in Spagna non ci siano ancora persone come lei nel governo, signor Juncker, ma voglio chiederle una cosa prima di partire: cambi la sua politica.

La crisi dei rifugiati non si risolve con filo spinato. La crisi dei rifugiati non si risolve con la polizia. Quello che funziona è una politica responsabile. Smettere di giocare a scacchi con i popoli del Mediterraneo. Lavorare per la pace, piuttosto che fomentare guerre. Aiutare le persone in fuga dall’orrore. Non continuare a distruggere la dignità dell’Europa, Jean-Claude Juncker.

(Applausi)

QUI il testo originale in spagnolo.

100 comments

  1. EXPOST

    S tirano le somme, dicono i tiggi.
    Tra balletti, discorsi e fuochi dìartifico.
    E le fn tira per ora BancaIntesa, che è uno dei principali sponsor: come chiedere al salumaio se il prosciutto che vende è buono.
    21 milioni di visitatori, dichiara (notare la finezza:visitatori, non biglietti venduti)..
    Tralasciamo pure il tema principale di contrasto, che non era il si fa o non si fa, mica si poteca fermare e dire a rimortis: la questione era chi ci gudagna e chi ci perde.
    Nel caso si fossero venduti 24 milioni di biglietti (obiettivo dichiarato inizialmente per portarsela a casa, l’EXPO) per una media ottimistica di 30 euro l’uno, l’incasso sarebbe stato di 720milioni.
    Con 21milioni, sarebbe di 630milioni.
    Sarebbe, perchè vanno detratti circa un quinto di accessi effettuati gratuitamente (operati,addetti, inviti ecc) e i biglietti venduti sottocosto (fino a 5 euro, per dire, tutti quelli tardopomeridiani e serai),
    Quindi si cala ancora, probabilmente attorno ai 500 milioni o poco più-
    Adesso si parla di esportae il modello EXPO a Roma.
    Dio ce ne scampi: se funziona com’è funzionato, coincide con il modello Brebemi. Promesse gomfiate per acquisire la partita, poi incassi privati e costi pubblici.
    Che non abbiamo ancora finito di pagare….per il sollazzo degli stessi visitatori che, in tv, son felici di gustarsi la RAI; Mediaset, i talkshow e le fiscion.
    Il target, del resto, era quello.
    Lo stesso di Sanremo.
    Baudo avrebbe detto nacionalpopolare

    1. Infatti Sala dichiara che “E’ stato l’expo della ggggente”. Lo dice con una g sola, però, perchè l’è de Milan, non der Testaccio.

  2. è l’unico che sa dell’esistenza di Pittella… è strana la politica si parla di quelli da prefisso telefonico come ininfluenti e poi uno che a malapena rappresenta se stesso ( o una regione) siede negli scranni più alti…

  3. Questo discorso di Pablo Iglesias mi piace molto, per questo l’ho segnalato. Adesso vorrei capire bene la politica europea della sinistra italiana iniziando da Possibile. Si continuera’ a stare nel Pse, si entrera’ nel Gue? Mi sono persa dei passaggi io?

    1. mi sto chiedendo chi faccia parte del gruppo… è solo la schein o ci sono altri?
      in ogni caso, anche se con un solo rappresentate, è ovvio che si tratta di una questione politica.
      io suppongo che la schlein si troverebbe meglio con i verdi, ma qui lo dico qui lo nego (nel senso che veramente non la conosco. mi baso su quello che leggo di lei, sui suoi tweet, ecc.)

      1. Ah heiner!
        Tu supponi che la schlein si troverebbe meglio con i verdi?
        Dicevano così anche del’extraterrestre Marino, che in quanto tale avrebbe fatto pandan….
        E guarda com’è finito….

  4. a proposito di spagna, ogni tanto qualche notizia positiva:

    Le Iene tentano di dare un premio a Marquez e vengono picchiate
    Ma il campione spagnolo le denuncia
    (Il Corriere)

      1. sì, e denunciate, e per la stucchevole questione di ‘vale’
        (ma voleva essere una battuta – però se vuoi ne parliamo più diffusamente)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...