Anto’, fa caldo…

segnalato da Barbara G.

Come il clima influisce sull’economia e sulla produttività

di Claudia Grisanti – internazionale.it, 24/10/2015

Abitanti del villaggio di Newtok, in Alaska, che rischia di essere travolto dall’innalzamento delle acque con l’aumento delle temperature terrestri, luglio 2015. (Andrew Burton, Getty Images)

Il cambiamento climatico potrebbe “costare” più di quanto immaginato. Due studi mostrano che l’aumento delle temperature in questo secolo potrebbe portare a consistenti danni economici.

Queste due ricerche, che in modo diverso traducono i dati scientifici in previsioni economiche, sono a disposizione dei leader politici, che avranno più elementi per basare le loro scelte in vista della conferenza sul clima di Parigi, a dicembre.

Un primo studio, pubblicato su Nature, indica che la temperatura ottimale per l’attività economica è di 13 gradi e che un riscaldamento del pianeta fuori controllo può ridurre il reddito globale di oltre il 20 per cento, più di quanto stimato. Marshall Burke e colleghi hanno paragonato le diverse temperature medie annue di 166 paesi tra il 1960 e il 2010, rilevando una relazione tra temperatura e produttività: la temperatura ottimale è di 13 gradi, quella più bassa o più alta fa diminuire la produttività.

Nello scenario di un cambiamento climatico senza interventi di mitigazione, con un aumento di temperatura media di 4,3 gradi entro il 2100, i ricercatori hanno calcolato una diminuzione del reddito globale di circa il 23 per cento e un impoverimento del 77 per cento dei paesi. Prevedono anche un aumento dei divari, poiché alcuni paesi sviluppati che hanno una temperatura attualmente troppo bassa, come la Svezia e il Canada, si sposteranno nel range più favorevole, mentre molti paesi con un reddito più basso, già penalizzati da una temperatura troppo alta, come la Nigeria o l’India, vedranno un ulteriore peggioramento.

Caro uragano

L’altro studio, pubblicato su Nature Geoscience, ha considerato invece un aspetto locale: l’aumento dei costi provocati dagli uragani negli Stati Uniti, registrato tra il 1900 e il 2005. Finora non era chiaro se questa tendenza fosse dovuta alla maggiore antropizzazione delle coste o a una maggiore intensità e frequenza dei fenomeni. Secondo Francisco Estrada e colleghi, l’aumento delle perdite economiche non è spiegabile interamente con il maggiore sviluppo delle aree costiere, e quindi potrebbe dipendere anche dall’intensificazione dei fenomeni, dovuta al cambiamento climatico. In dettaglio, i ricercatori stimano che la componente climatica sia costata agli Stati Uniti dai due ai 14 miliardi di dollari nel 2005.

Annunci

58 comments

        1. Su Renzi? Dato il mio “amore” viscerale e assoluto che ho per lui ,tu pensi che possa avere rimorsi? Fosse per me lo terrei isolato per un po’ di mesi su qualche isoletta dell’Arno rigorosamente a pane a acqua.Almeno dimagrisce…………………………………………

      1. Solo un minimo di coerenza, considerato il trattamento-Marino.
        Bisogna essere veramente cretini per credere che il capo segreteria distribuisca cariche qua e là in cambio di una sentenza favorevole a insaputa di De Luca. Tu Renzi pretendi un passo indietro, a meno che…
        A meno che, magari, non ci siano senatori che in un modo o in altro rispondono a De Luca. Per dirne una.

  1. OT: Minzo si dichiara allibito

    La Cassazione conferma la condanna a due anni e mezzo per Minzolini
    L’accusa per l’ex direttore del Tg1 e senatore di Forza Italia è di peculato continuato, per aver usato in maniera impropria la carta di credito aziendale, per un importo di circa 65mila euro. E’ interdetto dai pubblici uffici per tutta la durata della pena.

    http://www.repubblica.it/politica/2015/11/13/news/minzolini_condannato_in_appello-127247267/?ref=HREC1-14

    1. (… niente carte di credito aziendali, niente benefit. vale per politici e dipendenti pubblici. niente scontrini. hanno soldi sufficienti. così semplifichiamo pure)

    1. qui qualcuno (il pc) vuole decidere lui cosa fare, scusate, magari ne arriva anche un altro abbiate pazienza

      #domiziatonta+pcfarlocco

      1. Silenziare e non intervenire mai.
        Ps lo ha creato la rappresentante di classe ieri a mezzanotte ed e’ tutta la mattina che cinguettano grazie brava ben detto, mettiamo le foto cosi’ sappiamo chi siamo, sono arrivate gia’ 15 foto.

    1. quest anno mi tocca fare la rappresentante.
      e purtroppo, credo che dovrò ricorrere a lista uozzapp (se posso evitare il gruppo è meglio) perché gli avvisi li pubblicano solo sul sito della scuola, no cartaceo (sono arrivati a stampare 4 copie di un avviso su un A4 per risparmiare sulla carta) e volendo far girare le info in modo rapido…o quello o la mailing list…

      1. Invitare gli altri genitori, una volta per tutte, ad andare ogni tanto sul sito della scuola a dare un’occhiata e limitare i tuoi messaggi al minimo indispensabile (es. report dopo i cdc)?

        L’articolo postato da Antonella è delirante.

          1. Le foto, se te le scarica in automatico mentre non sei connesso in wifi puo’ essere un problema. E poi non capisco mai chi e’ che scrive e rispondo a sproposito (questo lo faccio anche sul blog).

        1. Mi dimentico io di andare sul sito…
          Che poi…non ci vuole molto a fare una mailing list a livello di scuola, per avvisare degli avvisi 🙂
          Mail…magari…ma dubito che tutti abbiano dimestichezza….

          1. Okkio che se li abitui male, la prima volta che te ne scordi uno ti sbranano… Il tuo compito non è questo, a rigore.

            Non sono un’esperta, ma saprebbero usare uozzapp e non scrivere una mail? Per me è il contrario (e non ho voglia di comprarmi un Iminchia, cit.).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...