Non avrete mai il mio odio

segnalato da Barbara G.

Lettera di Antoine Leiris dopo la perdita della moglie, morta durante la strage del Bataclan.

Venerdì sera avete rubato la vita di un essere eccezionale, l’amore della mia vita, la madre di mio figlio, ma non avrete il mio odio. Non so chi siete e non voglio neanche saperlo, quello che so è che siete anime morte. Se questo Dio per il quale voi uccidete ciecamente ci ha fatti a sua immagine, ogni pallottola nel corpo di mia moglie sarà stata una ferita nel suo cuore. Quindi non vi farò il regalo di odiarvi. Voi l’avete cercato, tuttavia rispondere all’odio con la rabbia sarebbe come cedere alla stessa ignoranza che ha fatto di voi quello che siete. Voi vorreste che io abbia paura, che debba guardare i miei concittadini in maniera differente, che io sacrifichi la mia libertà per la sicurezza. E’ una battaglia persa. L’ho vista stamattina. Finalmente, dopo notti e giorni d’attesa. Era così bella, bella come quando è uscita venerdì sera, bella come quando m’innamorai perdutamente di lei più di 12 anni fa. Naturalmente sono devastato dal dolore, vi concedo questa piccola vittoria, ma durerà poco. So che lei ci accompagnerà ogni giorno e che ci ritroveremo in quel paradiso di anime libere al quale voi non accederete mai. Siamo due, io e mio figlio, ma siamo più forti di tutti gli eserciti del mondo. Non ho altro tempo da dedicarvi, devo andare da Melvil che si risveglia dal suo pisolino. Ha appena 17 mesi e farà merenda come tutti i giorni e poi giocheremo insieme come tutti i giorni e per tutta la sua vita questo piccolo vi farà l’affronto di essere libero e felice. Perché no, non avrete neanche il suo odio”

Annunci

79 comments

  1. Cio che mi ha particolarmente colpito del messaggio di Antoine Leiris è la capacità di andare oltre il dolore pur percependolo. La sua capacità, nonostante il dramma che ha scolvolto la sua vita e quella di suo figlio, di considerare sua moglie non solo come una vittima ma principalmente come uno strumento attraverso il quale alimentare il conflitto, nutrire l’odio occidentale nei confronti del modo islamico. Intuire che ulteriori vittime di quello che è successo oltre i morti sono principalmente coloro che riempiono i loro cuori di odio incondizionato; quello è il vero obiettivo dei terroristi. Antoine non vuole essere vittima due volte cosi come non vuole che lo sia suo figlio.

    http://www.huffingtonpost.it/2015/11/18/antoine-leiris-repubblica-intervista-terroristi_n_8588930.html?utm_hp_ref=italy

      1. (ieri sera non ho visto. comunque sì, giocano di merda. come minimo non abbiamo più fuoriclasse, tranne uno, che tra l’altro non gioca)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...