Piattaforme “abusive”

segnalato da Barbara G.

Trivelle, concessioni scadute? Il ministero ignorava le richieste di proroga. E le piattaforme continuavano a operare

I dati in possesso di Ilfattoquotidiano.it, confermati dal Ministero dello Sviluppo, riguardano 9 delle 44 concessioni oggetto del referendum: erano già scadute a fine 2015, alcune da mesi, altre da anni (una addirittura dal 2009). Le compagnie avevano già presentato istanza di proroga e il Mise non aveva ancora dato il via libera. Richieste di proroga anche per mantenere in vita giacimenti non produttivi. E l’ultima legge di stabilità ha sanato il pregresso.

di Luisiana Gaita – ilfattoquotidiano.it, 12/04/2016

Le concessioni erano scadute, le società avevano richiesto le proroghe, il Ministero non aveva risposto. Ma si continuava a trivellare, pur senza alcun titolo. Il via libera del dicastero dello Sviluppo economico? Un affare burocratico trascurabile. E dall’esito scontato. Come si evince dai dati ministeriali, 9 delle 44 concessioni oggetto del referendum del 17 aprile erano già scadute a fine 2015, alcune da mesi, altre da anni (una addirittura dal 2009). Le compagnie avevano già presentato istanza di proroga e il Mise non aveva ancora dato il via libera. Eppure si è continuato a operare o comunque a mantenere in piedi le piattaforme. Si tratta di concessioni che riguardano la produzione di gas in quattro regioni (Emilia Romagna, Veneto, Abruzzo e Marche) ed oggi non sono più considerate scadute per effetto della legge di Stabilità. Tutto confermato a Ilfattoquotidiano.it dal Mise, che ne era a conoscenza, come si evince dal Bollettino degli Idrocarburi pubblicato il 31 dicembre scorso. “Spesso l’esame tecnico delle istanze e delle attività va oltre il termine di scadenza della concessione” spiegano dal ministero, sottolineando che “all’atto della proroga questa comunque decorre dalla data di scadenza”. Dunque tutto ‘sanato’. A posteriori. Anche perché in questo caso è subentrata la legge di Stabilità 2016 entrata in vigore il 1 gennaio, che ha modificato la disciplina sulla durata delle concessioni, legandola alla ‘vita utile del giacimento’ ed eliminando il regime delle proroghe con effetto retroattivo. “Nessuno volle spiegare il perché di quella norma spuntata quasi dal nulla” dice Enrico Gagliano, del Coordinamento Nazionale No Triv, secondo cui “quanto accaduto ha dell’incredibile” e “la legge evidentemente serviva a sanare il pregresso e a rimettere in carreggiata le relative concessioni, quasi tutte di Eni”. La multinazionale preferisce non rispondere, ma fonti interne sottolineano come i controlli siano stati sempre eseguiti, anche dopo la scadenza delle concessioni per le quali, comunque, la società aveva chiesto la proroga a tempo debito. E poi c’è la logica industriale: non si montano e smontano piattaforme in una settimana. E qui c’erano in gioco, solo per le concessioni produttive, 24 piattaforme e 40 pozzi eroganti. Quattro, invece, le concessioni non produttive, per le quali comunque era stata chiesta la proroga.

LE CONCESSIONI PRODUTTIVE SCADUTE – Le concessioni in questione sono 9 ed erano tutte scadute il primo gennaio 2016, quando è entrata in vigore la legge di Stabilità. Cinque sono classificate dal Mise come ‘produttive’. Questi titoli (non più scaduti per effetto della norma) riguardano le attività svoltecomplessivamente attraverso 35 piattaforme marine, 41 pozzi eroganti e 115 non eroganti. Partiamo dai titoli produttivi. La concessione A.C 1.AG (rilasciata a Eni), scadeva il 14 settembre 2015, mentre l’istanza di proroga è stata presentata dalla società il 30 settembre 2013: 7 le piattaforme e 19 i pozzi collegati al largo tra la marina di Ravenna e Cervia. Area vicina a quella interessata dalla concessione A.C 2.AS (Eni), che scadeva il 3 dicembre 2015 (istanza presentata il 9 dicembre 2013): 4 piattaforme e 7 i pozzi. Più a nord lo specchio d’acqua su cui insistono 4 piattaforme ‘Agostino’ e 8 pozzi nell’ambito della concessione A.C 3.AS (Eni), scaduta anche questa il 3 dicembre 2015 (istanza del 29 novembre 2013). Poi c’è la A.C 8.ME (Eni), che riguarda le acque antistanti Rimini e Cesenatico, con scadenza il 5 novembre 2015 (istanza presentata il 9 dicembre 2013): 4 piattaforme e 2 pozzi. Fin qui tutte concessioni in Emilia Romagna. Per le acque abruzzesi è stata rilasciata la B.C 5.AS scaduta il 12 novembre 2014 (istanza di proroga presentata il 13 marzo 2012): 5 piattaforme e 4 pozzi in un’area più vicina alla costa a Nord di Pescara. La società concessionaria è la Adriatica Idrocarburi (100 % Eni spa). Per nessuna di queste concessioni c’è stato il via libera del Mise alla nuova richiesta di proroga.

LE CONCESSIONI NON PRODUTTIVE – Per le concessioni ‘non produttive’ le scadenze sono parecchio più datate. E in questo caso è lecito chiedersi perché mai le società abbiano comunque chiesto delle proroghe. Nonostante siano basse le probabilità che da quei pozzi possano uscire quantità di gas importanti. Il dubbio è che si volesse scongiurare l’ipotesi di un imminente smantellamento, a costi esorbitanti. La A.C 9.AG (Eni) è scaduta nell’ottobre del 2009 e l’anno prima fu presentata istanza di estensione, la A.C 14.AS (Eni ed Edison) è scaduta nel marzo 2011 e, anche in questo caso, la richiesta è arrivata sul tavolo del ministero un anno prima. Entrambe riguardano specchi di acqua davanti al Veneto. La B.C 1.LF (Abruzzo) è scaduta il 27 agosto 2015, ma l’istanza di Edison è datata 13 agosto 2013. Di quelle non produttive è l’unica alla quale il sito del ministero collega un pozzo erogante, ma la società non ha comunque mai ricevuto risposta dal Mise. L’ultima, la B.C 2.LF (Marche) è scaduta il 2 dicembre 2015 e l’istanza è stata presentata il 17 dicembre 2013 da Edison.

IL MISE: “VENGONO FATTI CONTROLLI CONTINUI” – Il Ministero fa sapere che l’esame tecnico delle istanze e delle attività “va spesso oltre il termine di scadenza della concessione”. E che cosa accade in caso di incidente? Chi ne risponde? “I controlli sulle piattaforme e sui pozzi vengono fatti dall’organo di controllo (UNMIG) continuamente per tutti gli impianti attivi” puntualizza il Mise, mentre “i riscontri delle attività di verifica svolte sono riportati sul sito della DGS-UNMIG (Direzione generale per la sicurezza-Ufficio nazionale minerario per gli idrocarburi e le georisorse) e nel rapporto annuale (in corso l’uscita del rapporto 2016 relativo all’attività 2015)”.

I NO TRIV: “MINISTERO INADEMPIENTE” – “Di fronte ad istanze di proroga delle concessioni  presentate con largo anticipo rispetto alla scadenza originaria – commenta Enrico Gagliano – il Mise non ha effettuato le necessarie verifiche”. Non essendosi pronunciato sull’istanza, per il coordinatore dei No Triv “il Ministero era inadempiente, giacché il provvedimento amministrativo deve essere espresso. Non ci possono essere provvedimenti taciti”. Eni ha continuato a estrarre gas anche oltre la scadenza dell’autorizzazione “contro ogni previsione di legge”. Poi è arrivato l’emendamento e l’approvazione della Legge di Stabilità entrata in vigore il 1  gennaio 2016 “che ha sanato tutto con efficacia retroattiva”. Per Gagliano “di fronte a un atto così grave, è doverosa la rimozione del responsabile della direzione generale per le risorse minerarie ed energetiche, Franco Terlizzese”. Ed è necessario che il Governo Renzi “risponda di quanto accaduto al Paese e in Parlamento”. E nel frattempo si continua a trivellare, senza infrangere la nuova legge. Che ha sanato i vecchi ritardi.

Annunci

43 comments

  1. Boldrini: “Non andare a votare sarebbe la conferma di questo disamore”.
    Caso Sardegna: il governatore Pigliaru voterà “no” e viene accusato di “servilismo governativo” dalla scrittrice Michela Murgia. Mentre il presidente del Consiglio regionale Ganau attacca i vertici dem: “Otto dei nove Consigli regionali promotori della consultazione sono di centrosinistra. Invito al non voto inaccettabile”

    http://www.repubblica.it/politica/2016/04/13/news/referendum_trivelle_boldrini_votare_contro_antipolitica-137526321/?ref=HREC1-16

  2. http://www.repubblica.it/ambiente/2016/04/13/news/italia_1_a_al_mondo_per_uso_energia_solare_8_del_fabbisogno-137522111/?ref=HREC1-9

    Il titolo di testa enuncia “Italia prima al mondo per l’uso energia solare Copre l’8% del fabbisogno”, il contenuto dell’articolo precisa

    “…….. dati confermano una posizione di rilievo del nostro paese nel campo dell’energia pulita. Ma questo grazie alla rendita di posizione accumulata con lo sforzo compiuto soprattutto tra il 2007 e il 2012. Le rinnovabili hanno toccato un picco di produzione elettrica nel 2014 (43%) ….. .. “Eppure i contributi ai combustibili fossili sono cresciuti mentre il sostegno alle rinnovabili diminuiva. Gli aiuti a petrolio, carbone e gas sono saliti dai 12,8 miliardi del 2013 ai 13,2 miliardi di dollari del 2014 (il dato viene dal Fondo monetario internazionale). E i tagli retroattivi del governo Renzi agli incentivi alle rinnovabili contenuti nel decreto Competitività hanno contribuito a smorzare l’interesse degli investitori in Italia lo scorso anno (il giudizio viene dalle Nazioni Unite, rapporto Global trends in renewable energy investment). Risultato: l’Italia globalmente sta perdendo posizioni nella corsa verso i nuovi mercati dell’energia dopo aver tirato la volata nel momento più difficile, quando i costi erano più alti e le rese minori.”

    Che strano modo di fare informazione, il titolo di per se non è una menzogna ma non rappresenta neanche la realtà

  3. http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/13/grecia-e-scontro-allinterno-della-troika-europa-sullorlo-del-baratro/2632147/

    @heiner e tutti quelli che hanno ritenuto Tsipras una persona responsabile: è piu’ responsabile saltare nel buio (dopo un referendum vinto a tuo favore) o saltare nella certezza di una lunga povertà con svendite del patrimonio?

    Varou tutta la vita!

    P.S. Capisco che nelle sue medesime condizioni è facile cadere vittime del “brainwashing” ma il voto popolare gli aveva dato ampi margini e il suo ministro dell’economia nonchè amico non è proprio il primo imbecille che passava di li’.

    Va beh, la storia sta parlando, e non mi pare che suoni bene ai greci…

          1. mi risulta sospetto il dietrofront improvviso di tsipras e l’aver di punto in bianco accettato tutte le misure capestro che gli hanno chiesto

            ma riconosco che sono poco obiettivo

            1. mah non sapremo mai del tutto la verità, sono ipotesi come il tuo “sospetto”… il finale ripeto era chiaro, i numeri lo stesso… l’alternativa un incognita… cose che abbiamo già detto, e non la farei facile neanche l’uscita, le pressioni erano e sono enormi, dico questo nonostante tu sappia la mia simpatia ( di diversa entità rispetto a Laura ahahah) per Varou…

                    1. ti ricordi di cosa diceva V per Vendetta a proposito del marchingegno per uscire dall’euro?
                      il fatto di poter uscire gradualmente non è che renda tutto facile….

                    2. non è una proposta… ad essere buoni è uno scenario di “forzatura politica”… era quello che voleva usare Varou ma contemplava l’uscita come ultima opzione, sapendo le possibili conseguenze… inoltre ti dico che solo con un centesimo delle pressioni subite dalla Grecia qui in Italia ti appendono al primo albero… meditate gente meditate

                    3. periodo referendum greco
                      per prepararsi ad un’uscita improvvisa … avrebbero dovuto compiere un bel po’ di reati.
                      Io non me la sento di accusare Tsipras per non averlo fatto…

                    4. continuo a pensare che avessimo avuto un varoufakis italiano, con il peso specifico (ed il rischio correlato) che l’Italia poteva avere, forse l’unione europea avrebbe avuto la possibilità di avvicinarsi a quello che avrebbe dovuto essere.
                      Oggi mi sembra iniziato un lento de profundis

  4. http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/13/grecia-e-scontro-allinterno-della-troika-europa-sullorlo-del-baratro/2632147/

    @ Heiner e a tutti quelli che ritenerro le risposte di Tsipras una scelta responsabile: Varoufakis tutta la vita! meglio un salto in un buio che si plasmerà tutti insieme piuttosto che un salto nella povertà certa.
    (capisco sia facile dirlo per me e meno per Tsipras, ma casso, aveva anche fatto un referendum a riguardo e l’ha pure vinto…)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...