“Negando il genocidio degli altri, stiamo tradendo quello ebraico”

segnalato da Barbara G.

Yair Auron: “Negando il genocidio degli altri, stiamo tradendo quello ebraico”

di Stefano Jesurum – glistatigenerali.com, 17/01/2017

Yair ovvero, in ebraico, “che dà la luce”. E le parole del professor Yair Auron certamente illuminano, anche se ciò che riflettono porta con sé la cupezza e l’oscurità del pessimismo più assoluto. Auron è a Milano per intervenire oggi alla bella iniziativa che Gabriele Nissim e la sua Gariwo (La Foresta dei Giusti) organizza al Teatro Parenti con lo scopo di creare le premesse per l’elaborazione di una Carta dei valori intorno ad alcune tematiche morali del nostro tempo. Ieri sera Yair ha incontrato Sinistra per Israele per raccontare ciò che secondo lui è la realtà attuale del suo paese e del Conflitto con la C maiuscola, vale a dire quello con i palestinesi.

Cominciamo col dire chi è: storico e accademico specializzato in studi su Shoah, genocidi, razzismo, ha insegnato in università israeliane e statunitensi ed è stato negli anni Settanta direttore dell’Education Department di Yad Vashem, il Memoriale della Shoah di Gerusalemme. Un uomo che – alla vista – rispecchia appieno le più romantiche reminiscenze dei pionieri. Viso segnato dal sole e dalle battaglie, abbigliamento e portamento rozzamente raffinati, eloquio appassionato, duro, molto duro, forse troppo per le nostre orecchie. Storia personale da manuale sionista d’altri tempi. «Sono cresciuto in una famiglia sionista socialista polacca legata all’Hashomer Hatzair. Mio padre emigrò in Palestina negli anni Trenta e l’intera sua famiglia fu sterminata dai nazisti… di questo non mi parlò mai, ricordo che andavamo a visitare lo Yad Vashem e lui non mi diceva nulla. Ho vissuto in kibbutz, sono stato nell’esercito, paracadutista, ho combattuto, ho partecipato alla conquista di Gerusalemme. Ho sofferto di un trauma post bellico perché il mio amico del cuore, il mio amico d’infanzia, è morto in battaglia». Non c’è dunque da stupirsi se Yair e famiglia abitano da tempo a Nevé Shalom / Wahat al-Salam (Oasi di Pace), un villaggio cooperativo dove convivono ebrei e palestinesi israeliani, una settantina di famiglie e una discreta richiesta di nuove entrate che per ora sono ferme per mancanza di terra.

Il tema principale dei suoi studi, l’ossessione di Auron è il genocidio, o meglio i genocidi. Da anni infatti si batte per il riconoscimento da parte di Israele e del mondo del genocidio armeno. Ed è dal genocidio che parte per (quasi) ogni sua riflessione. Iniziando dalla constatazione che troppo a lungo è durato il silenzio su quello e che a tutt’oggi solamente ventisei nazioni lo riconoscono. Continuando con la constatazione che il genocidio curdo, per esempio, così come altri hanno avuto la medesima sorte.

Ma che cosa c’entra con lo Stato di Israele oggi? «C’entra. La catastrofe israeliana consiste nel fatto che è in corso una tragedia. Una tragedia per gli ebrei, per i palestinesi, per l’umanità». E spiega che «se neghiamo il genocidio armeno noi tradiamo il genocidio ebraico». Continua: «In Israele, purtroppo, non studiamo i genocidi da un punto di vista comparativo, ma insegniamo soltanto il genocidio ebraico, la Shoah. Non insegniamo gli altri genocidi, né nei licei, né nelle università. Una situazione inaccettabile sia dal punto di vista morale che da quello accademico. Per molti anni abbiamo sviluppato la filosofia dell’unicità ed esclusività della Shoah. Io non lo accetto. La Shoah non è una categoria unica, come se ci fosse un concetto chiamato Olocausto e un altro concetto chiamato genocidio. Penso invece che la Shoah debba essere studiata nel quadro degli studi comparati sui genocidi. In questo quadro dobbiamo esaminare gli elementi comuni tra gli atti di genocidio e comprendere che cosa distingue l’Olocausto dagli altri. Certo, ci sono caratteristiche uniche come le camere a gas, tuttavia le teorie razziste sono molteplici, e in ogni atto di genocidio si sono sviluppate in vari gradi di sofisticazione. Le teorie razziste contro gli ebrei erano molto ben sviluppate e scientifiche. Un’altra caratteristica unica dell’Olocausto è il fatto che i tedeschi volevano uccidere gli ebrei ovunque ne avessero potuti trovare. La loro missione era uccidere tutti gli ebrei in Europa. Avevano nel mirino anche gli ebrei del Nord Africa e del Medio Oriente».

Yair segue un suo demone che palesemente lo divora. «Dico questo perché sono un essere umano e un ebreo, e inoltre perché il genocidio ebraico ha una rilevanza per l’umanità e non solo per il popolo ebraico. Noi siamo portati a sminuire l’importanza della Shoah guardando a essa in maniera particolaristica. Invece noi in quanto vittime – ebrei, armeni, tutsi e purtroppo altri – abbiamo molto in comune. Gli atti di genocidio ai quali siamo sopravvissuti ci rendono fratelli, nel senso più profondo del termine».

Ed ecco che una platea come quella di Sinistra per Israele, pur preparata e assai critica nei confronti delle politiche della destra israeliana al governo, ammutolisce… «Sì, noi tradiamo il genocidio ebraico», quasi urla Yair Auron, «il nostro è un fallimento morale, lo stesso fallimento morale che riguarda anche i palestinesi». Perché, secondo l’uomo del kibbutz e di  Nevé Shalom / Wahat al-Salam, il genocidio non è passato, ma presente e futuro. È dal 2012 che noi sappiamo del Darfur e non facciamo niente. Noi non facciamo nulla contro i crimini di guerra e i delitti contro l’umanità di cui siamo testimoni quotidianamente. «Noi israeliani e voi italiani vendiamo armi alle fazioni in guerra nel Sud Sudan…».

Ecco che il fantasma viene evocato. «La nostra occupazione di territori palestinesi dura da cinquant’anni, è la più lunga occupazione da parte di una società democratica. Noi siamo malati. È malata la leadership politica, però lo è anche la società civile. Noi siamo malati perché occupiamo, i palestinesi sono malati perché sono occupati. Per questo un uomo con la mia storia adesso si dice a-sionista. Abbiamo il nostro Stato, uno Stato forte. Nessuno può distruggere Israele, però possiamo essere sconfitti dal terrorismo. Loro e noi ci stiamo distruggendo. E la responsabilità maggiore è di chi è più forte, cioè noi. Siamo noi che dobbiamo impegnarci per arrivare all’unica soluzione possibile, due Stati per due popoli». Lo dice uno che fece la propria tesi di laurea sulla possibilità di uno Stato binazionale, la posizione che molti anni fa aveva il sionismo socialista. Adesso Yair accusa di fascismo alcuni ministri del governo Netanyahu, pare non avere speranze, appare catastrofista e – diciamolo – un po’ accecato dalla propria esperienza. Ma alla fine si addolcisce un pochino. «Voi guardate il nostro conflitto come se foste al cinema… mi scuso di aver detto cose che forse vi hanno fatto male… è quello che sento, che penso. Io dico sempre ai miei figli di andare a vivere dove pensano di trovare un po’ di felicità… a Tel Aviv, a Milano, a Parigi… o di rimanere a  Nevé Shalom / Wahat al-Salam. Io lì rimarrò per sempre, anche perché c’è uno dei cimiteri più belli del paese». E finalmente sorride. Yair, “che dà la luce”. La luce della speranza non si spegne nei suoi occhi azzurri. Anche se è una luce che illumina tragedie, errori, paure, fantasmi, orrori.

Annunci

20 comments

  1. Leggi e dici… si ottimo è così… analisi impeccabile… poi arriva il fumoso, l’indefinito, l’auspicabile…
    Credo che siamo forzatamente asincroni ai ‘fatti’…

  2. …il genio si diffonde…

    1. A parte altre, e maggiori, considerazioni, quella di Beniamino è una puttanata perché, che io sappia, non c’è mai stata immigrazioni illegale in Israele . Caso mai emigrazione illegale (e forzata) dei palestinesi.

  3. Dalla prefazione di La vita meravigliosa (I fossili di Burgess e la naturavdella storia) di Stephen Jay Gould

    Dedicato a chi crede all’ineluttabilita’ come nuova fede del XXI secolo.

    L’argomento specifico di cui mi occupo in questo libro è il più importante e prezioso di tutti i giacimenti fossiliferi: quelli di Burgess, nella British Columbia (Canada). La storia umana della scoperta e dell’interpretazione dei fossili contenuti negli argilloscisti di Burgess – una storia che si estende su quasi ottant’anni – è meravigliosa, nel senso letterale forte di questa parola troppo usata. Questa fauna antichissima di organismi dal corpo molle eccezionalmente ben conservati fu scoperta nel 1909 da Charles Doolittle Walcott, il paleontologo più autorevole e uno fra gli amministratori più potenti nella scienza americana. La sua ottica fortemente tradizionalista gli impedì però virtualmente di andare oltre un’interpretazione convenzionale che non offriva alcun punto di vista nuovo sulla storia della vita, sottraendo perciò questi organismi unici all’attenzione del pubblico (anche se essi sono di gran lunga più importanti dei dinosauri per la luce che possono gettare sulla storia della vita). Ma vent’anni di meticolosa descrizione anatomica a opera di tre paleontologi britannici, due inglesi e un irlandese, che cominciarono il loro lavoro senza avere alcun sentore del potere rivoluzionario di questa scoperta, hanno ora non solo rovesciato l’interpretazione di questi fossili data da Walcott, bensì hanno anche messo a confronto la nostra visione tradizionale del progresso e della predicibilità nella storia della vita con la sfida della contingenza, familiare allo storico: ne è scaturita l’immagine dell’evoluzione come una serie estremamente improbabile di eventi, a posteriori abbastanza ragionevole e spiegabile in modo rigoroso ma del tutto imprevedibile e irripetibile. Se potessimo riavvolgere il film della vita riportandolo fino al tempo lontano degli organismi di Burgess, la probabilità che dal replay venisse fuori qualcosa di simile all’intelligenza umana è trascurabilmente piccola.
    Ma ancora più mirabili di qualsiasi sforzo umano o di qualsiasi nuova interpretazione sono gli organismi stessi conservatisi negli argilloscisti di Burgess, grazie soprattutto alle nuove ricostruzioni che ce li hanno restituiti in tutta la loro trascendente stranezza: l’Opabinia, con i suoi cinque occhi e l’organo di prensione frontale; l’Anomalocaris, l’animale più grosso del suo tempo, un terribile predatore con mascella circolare; l’Hallucigenia, con un’anatomia che giustifica pienamente il suo nome.
    Il titolo di questo libro esprime la duplicità della nostra meraviglia, per la bellezza degli organismi stessi e per la nuova visione della vita che hanno ispirato. Opabinia e soci costituirono la vita strana e mirabile di un passato lontano; ai nostri occhi hanno anche il merito di avere imposto il grande tema della contingenza storica a una scienza che non di trova a suo agio con tali concetti. Questo tema ha una funzione centrale nella scena più memorabile del film più amato d’America: quella dell’angelo custode di James Stewart che, per dissuaderlo dal suicidio, gli fa vedere che cosa sarebbe accaduto se lui non fosse esistito, dimostrandogli il grandissimo potere che anche cose insignificanti possono acquistare nella storia. La scienza si è occupata assai poco del concetto di contingenza, ma cinema e letteratura l’hanno sempre trovato affascinante. Il film La vita meravigliosa è al tempo stesso un simbolo e l’esemplificazione più bella che conosco per il tema centrale di questo libro, e io ho deciso di rendere onore a Clarence Odbody, a George Bailey e a Frank Capra nel titolo di questo libro.

      1. Gould e’ stato un grande divilgatore scientifico, mai banale. Questo libro e’ un po’ complesso, ma vi sono numerosi libri in cui sono raccolti i saggi che lui scriveva per la rivista Natural history, sono piuttosto famosi, a partire da Il pollice del panda. Li ha letti anche mio marito che ha fatto altri studi.

      2. In un certo modo parallelo, credo, “Il pollice del violinista” di Sam Kean. Storia del DNA & Co. dalla paleogenetica ai giorni nostri. Divulgativo ma pesantello, pur se scritto in modo avvincente. Se poi quello che illustra sia scientificamente corretto … boh? E’ roba per intenditori.

        1. Non lo conoscevo. Mi sembra di capire che sia un giovane giornalista dedito alla divulgazione. Gould era un paleontologo e ha suggerito un nuovo aspetto dell’evoluzione proponendo la teoria degli equilibri punteggiati insieme a Neals Eldrige (ancora vivo).

    1. Pollice del panda…
      Fino a un paio di settimane fa avrei pensato “che cacchio ha il pollice del panda per dedicargli il titolo di un libro?”
      Nel frattempo ho visto un documentario…
      È una storia curiosissima….

      1. Il pollice del panda e’ una raccolta di saggi, tra i quali vi è quello sul panda, sono tutti molto interessanti, alcuni riguardano vicende storiche, che Gould e’ stato anche uno storico della scienza. E’ stato, a mio avviso, una di quelle rare figure a cavallo tra scienza e umanesimo.

        1. L’antropologo che abita in me (senza pagare l’affitto, il bastardo) consiglia André Leroi-Gourhan Il gesto e la parola.
          (vedo che qualcuno ha scansionato e messo su monoskop i due interi volumi in *.pdf… Einaudi non sarà contenta, ma così va il mondo)

              1. …e probabilmente inutile.
                Se il genere umano deve tutto al pollice opponibile (pensiero/linguaggio etc) l’evoluzione è terminata.
                Tastiere, mouse e touch vari lo rendono quasi inutile.
                Tra i gesti presenti e futuri ammessi sui touchscreen di computer e telefoni, prevarranno lo swipe (passa via, volta pagina prima di leggerla) e il pinch (pollice e indice per allargare/restringere le immagini).
                Il secondo è una forma di gesto/pensiero già presente nei crostacei con le chele. Sì, diventeremo astici.

    1. O.T. (ma non troppo)

      L’altro ieri cercando tra i miei scaffali un libro che serviva a mia nipote mi è capitato sotto il naso “Qui non può accadere” di Sinclair Lewis comprato e letto chissà quando. Una distopia scritta negli anni trenta
      Un libro profetico ma nemmeno tanto se lui stesso definiva gli Usa “il più contraddittorio, deprimente, emozionante Paese al mondo” forse sapeva (e temeva) dove sarebbero andati a parare prima o poi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...