Il primo flop del M5s: fuori dai ballottaggi.

Triskel182

25 capoluoghi al ballottaggio e neanche uno con il candidato grillino in corsa. Nessun commento da parte dei vertici grillini, tranne Toninelli: “I nostri candidati non hanno dietro apparati che si nascondono dietro accozzaglie con i simboli di partito che spariscono dalle liste, vedrete che domani saremo la prima o seconda forza politica nazionale, al di là dello schermo delle finte liste”.

Cinque anni fa Stalingrado, oggi Waterloo. Il simbolo del risultato negativo del Movimento 5 stelle alle elezioni amministrative è Parma. Il sindaco Pizzarotti, ex enfant prodige di Grillo prima di diventare capitan Pizza e di essere cacciato dal Movimento per troppa autonomia, andrà al ballottaggio contro il candidato di centrosinistra. Il M5s, invece, è fuori da tutto: neanche 2500 voti racimolati.

View original post 784 altre parole

Annunci

101 comments

  1. per aggiungere inutilità all’inutilità…

    – (per marco 2 c) non ho guardato quali sono i ballottaggi, non ho idea, ma teoria vuole che ciò che ha conquistato il pd fino ad ora è quello che avrà alla fine. non dovrebbe vincere nessun ballottaggio (se la mia teoria funziona)

    – stesso dicasi per i sindaci appoggiati da possibile (o sinistra varia). quelli vinti fino ad ora dovrebbero essere definitivi (qualcuno ha dei dati? orlando? e poi?)

    il che dovrebbe far riflettere

    1. Che il PD non vinca nessun ballottaggio (ovviamente i grilli voteranno la destra) o solo alcuni, lo penso anche io e francamente mi interessa molto poco.
      (mettere a verbale pls)

      Sono elezioni locali (cazzi dei locali) e che ci sia alternanza è normale e pure auspicabile.

      Quello che veramente mi importa è che in Italia e in Europa si sgonfi il prima possibile la bolla populista.

    2. alt un attimo. Orlando (nel senso di Leoluca). L’unica cosa che so sulle liste a suo sostegno arriva da qui
      https://www.possibile.com/partito-della-nazione-sbarca-palermo/
      non ti so dire chi ha effettivamente aderito alla lista di sx.

      Per il resto: non so assolutamente come sia andata in Toscana. Per i casi di cui sono a conoscenza, la lista di sx è andata bene a Padova, anche se non è al ballottaggio, e in poche altre città. A Taranto si sono presentati divisi. C’è poi una lunga serie di comuni medio grandi in cui la lista di sx è stata fatta, ma è andata maluccio (quelle che mi vengono in mente viaggiano fra il 4 e il 7%). Una osservazione: in alcuni casi si sono presentati in associazione ad altre liste, ad es a sostegno del candidato Pd, e sono andate male.
      E’ mancata incisività in alcuni comuni dove si poteva fare meglio. In altri…beh, non c’era trippa per gatti (se ti trovi la lega al 47%…)
      In qualche comune minore però qualcuno è passato, ma non è che la sbandiero come una vittoria come fa uno a caso…

      1. Ovviamente no 😛
        La cosa che mi lascia sconcertata è che non si tratta delle politiche, ma delle amministrative.
        Il Sindaco lo vedi all’opera, spesso lo conosci, lo incontri al bar. E’ il contatto diretto con lo Stato.
        E’ interesse di ognuno scegliere il meglio (o il meno peggio, dipende dai punti di vista).
        Posso capire se in un comune, per motivi particolari, c’è poca affluenza. Ma una cosa così generalizzata deve far riflettere.
        Quando il voto conta la cittadinanza partecipa.
        Possibile che si possa ritenere inutile il voto per il Sindaco?
        E’ perché si è capito che con i vincoli che ci sono hanno pochi margini di manovra?
        Perché si sono candidate delle capre?
        Perché ci sono troppe liste? (in certi comuni ci sono state delle situazioni paradossali)
        Perché liste simili si sono presentate separate, o perché alcune liste si sono spaccate per dissidi interni?
        Perché ci sono stati troppi imboscati nelle liste collegate (es a Como in una lista a sostegno del candidato PD c’erano imbucati NCD, una delle liste a sostegno di Orlando era mista PD-NCD)?

            1. Luigi, di queste 25 città in quante il mov si presentava per la prima volta?
              Perché se non sai estrapolare questo dato l’analisi è falsata.
              ps nessuno ha detto che il PD ha vinto (i voti persi dal PD li ho riportati altrove). Ha vinto la destra, nettamente.

              1. E’ secondo te è naturale supporre che in elezioni amministrative dove ti presenti per la prima volta sia plausibile attendersi percentuali da politiche ?

                Un po di equilibrio sarebbe auspicabile, come gia detto condivido l’affermare che in alcuni comuni ci si doveva e poteva aspettare di meglio, ma nel complesso anche alle amministrative il trend dei 5stelle è in crescita (se confrontato con le precedenti amministrative e nei medesimi luoghi, come buonsenso vuole)

                L’analisi, se realmente vuoi che non sia falsata, la fai considerando tutto senza estrapolare nulla, altrimenti non è analisi ma solo ricerca di conferma su cio che gia si pensa

                1. no, io non mi aspetto percentuali da politiche, ma era lecito attendersi un risultato migliore.. Domanda: il mov se le aspettava le percentuali da politiche (non dico il 30%, ma almeno un 20%)?
                  estrapolare: a volte devi, se non vuoi correre il rischio di prendere cantonate perché paragoni cose diverse. . Ad esempio Il buon X sopra dice che il Pd a palermo non ha preso voti: il pd, come in molti altri posti, si è presentato con una lista civica

                  1. Si e’ presentata una lista di renzini e alfisti, senza simbolo del Pd a differenza del risultato precedente. Vero difficile dire come andra’ alle politiche li’, ma il trend generale su dati omogenei dicono che il PD perde tra il 30 e il 50%, quindi mezza lepre e’ andata – possono correre con 2 zampe…

          1. Sul M5s l’ho già scritto: se parti da zero anche 1 è il doppio
            peccato che per arrivare al ballottaggio ci voglia 100.

            Sorvolando sulla loro importanza 8 comuni su 140 fa il 6%?
            Per un partito al 30% uno score stupefacente!

            😀 😀 😀

            1. Se parti dal 28% di media nel 2012 e ti assesti al 14% di media nel 2017 con anni ed anni di “esperienza” c’è poco da sorvolare, anzi ripensandoci sorvolare è l’unica strategia che ti rimane.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...