Trappole elettorali

Elezioni, le trappole sulla scheda che rischiano di fregare l’elettore. Manuale breve: primo, conoscere (bene) i candidati

Chi vota Giachetti, vota anche un ciellino. Chi sceglie la Meloni, dà una mano all’Udc che ha sostenuto tutti i governi “dell’inciucio”. Chi vota M5s, si prende un candidato già espulso. Non basta il ritorno dei nomi stampati sulla scheda: dentro la cabina bisogna stare attenti anche a dove si riflette la preferenza. Per questo nasce libertadivoto.it, piattaforma lanciata dal radicale Staderini, attraverso la quale ciascuno può trovare i candidati del proprio collegio.

*

Chi è del Pd a Bologna vota Casini e ormai lo sanno tutti. A Modena vota la Lorenzin e anche questo è noto. Chi sceglie il M5s a Potenza o a Pesaro trova Caiata, indagato per riciclaggio ed espulso, e Cecconi, emarginato in qualità di caso alfa del caos sui rimborsi. A Pontida – la culla del leghismo – chi vuole essere fedele al Carroccio e lascia la sua ics sul simbolo di Alberto da Giussano, contribuisce all’elezione di Maurizio Lupi, ex fedelissimo alfaniano e perno dei “governi dell’inciucio” di questi anni. È il risultato dei giochi di prestigio del Rosatellum, il sistema elettorale che regola le elezioni politiche di domenica prossima. E’ il frutto di illusioni ottiche di una legge che invita a votare un partito e usa quel voto per dare la preferenza a un candidato che non si vorrebbe e che, al contrario, invita a scegliere un candidato e usa quel segno sulla scheda per ingrossare in realtà anche il risultato di una forza politica che non si sopporta. Il Rosatellumcome ha sottolineato più volte ilfatto.it anche nei giorni dell’approvazione, nasconde molti “trucchi” che impediscono una completa libertà dell’elettore dentro la cabina. Al cittadino resta un modo per “difendersi”: trasformare il proprio voto, farlo diventare il più consapevole possibile.

Non basta il fatto che sulla scheda, per la prima volta dopo molti anni, tornino stampati i nomi dei candidati. Anche perché, a una settimana dal voto, alzi la mano chi conosce i candidati che si ritroverà sulla propria scheda. Per questo l’ex segretario dei Radicali Mario Staderini, da anni impegnato in difesa dei diritti politici dei cittadini, ha creato e messo online libertadivoto.it, una piattaforma che consente di sapere quali sono i candidati di ogni collegio. “Insieme ai compagni radicali Giuseppe Alterio e Paolo Breccia – spiega a ilfattoquotidiano.it – abbiamo voluto offrire un servizio pubblico ai cittadini, che potranno conoscere i candidati del loro collegio inserendo l’indirizzo di residenza e scoprire se, per colpa della legge elettorale, per votare il loro partito al proporzionale saranno costretti a votare anche un candidato uninominale che loro considerano invotabile“.

Per cominciare si può ricordare che la legge è un sistema misto, cioè in parte maggioritario e in parte proporzionale. Ma non sono quote equivalenti: solo un terzo dei parlamentari sarà eletto con il criterio maggioritario col collegio uninominale (dove vince chi ottiene un solo voto in più dell’avversario), mentre gli altri due terzi di deputati e senatori saranno presi da listini bloccati con il criterio proporzionale: più la lista prende voti, più eletti scattano, a partire dal capolista (che ha quasi la certezza di essere eletto) e a scendere con gli altri (ci sono in tutto da 2 a 4 nomi a seconda della grandezza dei collegi).

Tutto chiaro? No. Perché la scelta dell’elettore è obbligata, annodata, intrecciata. Vediamo di sciogliere il nodo. Primo: scegliendo il candidato dell’uninominale, il voto è “trasmesso” anche ai partiti che lo sostengono (uno o più di uno). Secondo: scegliendo il partito, il voto si riflette in automatico anche sul candidato uninominale. Terzo: non ci sono le preferenze, quindi scegliendo un partito si prende il listino bloccato così com’è (anzi, ogni segno in più comporta un rischio di annullamento). Quarto: per la proprietà transitiva – poiché scegliendo il candidato dell’uninominale si vota anche il partito che lo sostiene – si contribuisce a votare i candidati nel listino bloccato del proporzionale. Il male originale è la mancanza del voto disgiunto: è così che il voto sulla scheda del Rosatellum nasconde in realtà tre voti diversi, un gioco di specchi che può portare l’elettore dove non vuole o comunque dove non immagina.

Tutto chiaro? No. C’è un’altra regolina che distorce ancora un po’ il voto, nota forse solo agli addetti ai lavori e agli elettori più attenti. Hanno, infatti, diritto a una rappresentanza in Parlamento solo le forze politiche che raggiungono il 3 per cento. Ma gli altri voti non sono tutti uguali: quelli che vanno ai partiti non coalizzati sono ripartiti tra tutte le liste che superano la soglia del 3, mentre quelli che vanno ai partiti coalizzati e che superano l’1 vengono ripartiti solo tra le forze della stessa coalizione. Facciamola più facile: se Civica Popolare (la listarella centrista di Beatrice Lorenzin) supera l’1 ma non il 3, le preferenze andate al suo simbolo vengono redistribuite tra i partiti che nella coalizione di centrosinistra superano il 3. Cioè, secondo i sondaggi, il Pd e PiùEuropa. Ancora più chiaramente: un voto agli ex berlusconiani come Lorenzin e Casini finirà per favorire la radicale Emma Bonino e non serve sottolineare quanto siano distanti le due posizioni politiche. Vale anche per il centrodestra: se Noi con l’Italia (soggetto in gran parte formato da ex democristiani) supera l’1 e non il 3, i suoi voti saranno redistribuiti alle altre forze della coalizione. Tradotto: i voti per CesaLupiFittoQuagliariello finiranno a Salvini. Anche in questo caso un voto “moderato” andrebbe ad ingrossare idee molto più radicali.

Proviamo a sciogliere qualche nodo e passare dalla teoria alla pratica.

Primo caso. A Latina all’uninominale per la Camera è eletta Giorgia Meloni, che pochi giorni fa ha organizzato una manifestazione “anti-inciucio”. Segnando il suo nome sulla scheda, il voto sarà ripartito in quota proporzionale anche a Noi con l’Italia, in gran parte formato da esponenti che hanno sostenuto i governi di LettaRenzi e Gentiloni. Naturalmente la stessa cosa vale per i candidati all’uninominale della Lega.

Secondo caso. A Reggio Calabria il centrosinistra (Pd e alleati) candida all’uninominale del Senato Vincenzo Mario Domenico D’Ascola, da tutti conosciuto come Nico. Cioè la quintessenza del berlusconismo, anche se lui ora si dice semplicemente “socialista da sempre”: eletto parlamentare col Pdl, è stato il legale di Gianpi Tarantini e di Claudio Scajola e anche socio dello studio di Niccolò Ghedini. Detto tutto questo: l’elettore che barrerà solo il simbolo del Pd, contribuirà all’elezione di D’Ascola.

Terzo caso. Ad Alba, in provincia di Cuneo, il Movimento Cinque Stelle ha inserito come capolista del listino bloccato per il Senato Carlo Martelli, uno dei parlamentari che ha nascosto di non aver fatto tutti i bonifici al fondo per le piccole e medie imprese. È stato già messo fuori dal M5S e lui dice che rinuncerà. In attesa che le parole si trasformino in fatti, Martelli sarà certamente eletto perché il suo posto è blindatissimo in un’area del Nord in cui i Cinquestelle peraltro vanno piuttosto bene. Votando il simbolo del M5S, l’elettore farà eleggere Martelli.

Quarto caso. A Sesto Fiorentino il candidato all’uninominale del centrosinistra è Roberto Giachetti. Parlamentare del Pd, è ex radicale nei modi (si ricorda il suo sciopero della fame per la riforma elettorale) ma anche nei temi, soprattutto sui diritti civili. È suo un ddl per la legalizzazione della cannabis, su biotestamento e unioni civili si potrà immaginare come la pensa. Ma nello stesso collegio, votando Giachetti, si dà forza anche alle liste che lo appoggiano e tra queste c’è anche Civica Popolare che, nella parte proporzionale, candida al secondo posto del listino Gabriele Toccafondi, berlusconiano storico poi diventato alfaniano e soprattutto da sempre ciellino: è contrario alla legalizzazione della cannabis, al biotestamento e alla legge Cirinnà sulle unioni civili. Chi vota Giachetti contribuisce alla possibilità che venga eletto anche Toccafondi (remota solo per i numeri minuscoli di Civica Popolare).

Naturalmente tutti questi esperimenti valgono anche di più con i cosiddetti “impresentabili“. Roberto Formigoni, ex presidente della Regione Lombardia, condannato per corruzione a sei anni, è candidato al Senato come capolista di Noi con l’Italia in tre circoscrizioni della Lombardia (MilanoMonza-Brianza e Brescia-Bergamo). Un elettore di centrodestra che voterà il candidato della parte uninominale dei tre collegi (Luigi PagliucaStefania Craxi, Adriano Paroli) non potrà evitare di dare il suo contributo anche al Celeste. Qui una via d’uscita c’è: basterà votare solo una lista – sempre del centrodestra – che non è quella di Formigoni (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia) senza barrare alcun nome. E in effetti votare il simbolo (come accadeva col Porcellum) è il consiglio che danno molti leader di partito, da Piero Grasso a Silvio Berlusconi a Giorgia Meloni.

Annunci

4 comments

    1. Ho l’impressione che buttando tutto su Renzi si voglia assolvere il pd (e le politiche messe in atto in questi cinque anni) da una sconfitta annunciata, così da tenersi buono Gentiloni e compagni e legittimare un prossimo governo minestrone a proseguire la medesima strada.

      1. il minestrone hai detto tutto!!!

        http://www.ansa.it/sito/notizie/speciali/elezioni/2018/02/16/gentiloni-a-berlino-incontra-la-cancelliera-merkel_d6e97d5e-eb9a-4d8d-866c-517de5ba22dd.html

        C’è stata – ha esordito la Merkel in conferenza stampa dopo l’incontro – una stretta collaborazione con l’Italia su migranti. Le attività di Roma sono importantissime”. “Negli ultimi anni abbiamo avuto una stretta cooperazione fra Italia e Germania, soprattutto per la questione della migrazione. Le attività sulla rotta nel Mediterraneo sono eminenti ed estremamente significative, e voglio ringraziarti di tutto cuore, caro Paolo.

        Caro Paolo!!!!

  1. Che fortuna! Nel mio collegio per leu alla camera c’è Cosseddu, dopo la Boldrini, che forse è candidata anche altrove e lascerebbe a Cosseddu.
    😱😱😱

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...