Giornata internazionale della donna: 5 libri da leggere

Scaffali da leggere

Oggi è l’8 Marzo, data in cui ricorre la giornata internazionale della donna, istituita per celebrare le conquiste sociali e politiche fatte dalle donne in questi anni. Sicuramente sulla questione diritti sono stati fatti degli enormi passi avanti, tuttavia siamo ancora lontani dall’effettiva parità tra uomo e donna, per questo voglio consigliarvi 5 titoli scritti da donne e che parlano di donne, per riflettere sulle conquiste ottenute e sulle lotte che ancora oggi è necessario portare avanti.

Non potevo non partire che consigliandovi Manuale per ragazze rivoluzionarie di Giulia Blasi, una vera e propria guida ai temi caldi del femminismo: dal patriarcato al sessismo, dalla questione linguistica al concetto di bellezza fino ad arrivare al fondamentale capitolo Feminist FAQs, nel quale Giulia mette insieme domande e risposte alle obiezioni e ai luoghi comuni riguardanti il movimento femminista.

Il secondo libro è una graphic novel che attraverso…

View original post 239 altre parole

Annunci

624 comments

        1. «Mettere Salvini all’opposizione per portare avanti la solita politica economica di Padoan e Tria sarebbe un grave errore. E avrebbe il solo risultato di rinforzare le destre reazionarie»

          Ho capito che in questo momento, nel PD, si apre uno spazio enorme per chi vuole rappresentare un’area di centro, liberale e riformista. C’è bisogno di una grande casa politica per combattere alla pari con il vero avversario di tutti noi che è Matteo Salvini e il concetto di democrazia illiberale che sta portando avanti»

          scopri l’intruso…

            1. ma porca paletta… tutti a dire di non fare come con B. tutti insieme contro il “concetto di democrazia illiberale”, ma un occhiata alle politiche economiche no? o sono deficienti o in mala fede non so quale sia peggio…

  1. Sinceramente, come avevo scritto, pensavo che Renzi avrebbe provato a riprendersi il PD (per rifondarlo), operazione molto più “comoda” del fondare un nuovo partito.
    Valutazione errata la mia.

    Evidentemente Renzi non scommette su un rapido fallimento del governo (dato che un po’ di fili li tira lui…), ma nel caso vuole essere pronto e sedersi al tavolo dei giocatori da protagonista in vista dell’elezione del prox PdR.

    Morto il PD originale a vocazione maggioritaria, meglio il reset di quel che ne rimane che la convivenza ipocrita con i suoi assassini in un contenitore vuoto di prospettive.

    La mia “traversata nel deserto” elettorale e il dubbio su dove parcheggiare il mio prossimo voto sono durati lo spazio di un lampo in un temporale estivo…

      1. Eddai, Sun, con tutto quello che è successo, abbi pazienza, ahahah 🙂
        (dovremmo sceglierci uno dei vecchi thread, magari uno con pochi post, se vogliamo continuare a scrivere, questo sta per esplodere, a meno di non voler chiudere baracca e burattini e buonanotte ai suonatori….)

      2. adieustocazzo!
        scrivo raramente ma quando ne ho voglia e quanto mi pare,
        nonostante la sgradevole presenza di quelli come te perennemente attaccati ai maroni.

        Naturalmente fino a quando chi amministra quello che resta di questo ex blog
        non stacca la spina. Quella di tutti o anche solo al mia.

        Amen
        😝

    1. Viva l’Italia
      L’Italia che non ha paura.
      Viva l’Italia
      L’Italia che è in mezzo al mare
      L’Italia dimenticata e l’Italia da dimenticare
      L’Italia metà giardino e metà galera
      Viva l’Italia

      1. Bellissimo:
        “Si tratta di un trucco rassicurante e vanitoso. Dietro l’apparente coraggio del gesto romantico, c’è una scelta fatta a caso, e un narcisismo goffo e pomposo.”

        #unastampaunafigura

        1. Visto che questa sua manovra probabilmente ri-portera’ gli elettori tipo te a votare PD, direi che Renzi e’ sicuramente un grande – (nel dubbio, ha fatto un favore anche a me).

          1. mentre tu e 2lire vi rifugerete fra le braccia dell’alleanza Renzi/calenda che si alleerà secondo convenienza o con il pd o con Berlusca/salvini.
            Serbaci un cucciolo

            1. Ora che Renzi ha lasciato il PD, chiunque creda che quella sinistra sia la soluzione può affidarsi al PD.
              Io penso che per contrastare il salvinismo servano partiti solidi che esprimano certezze nello svolgimento della propria politica.
              Credo che sia il PD che i cinquestelle pagheranno per la loro eterogeneità.
              Chiunque, a sinistra, non si riconosca nel PD o nei cinquestelle sogna un mondo che non avverrà.

              Il problema del momento è la gente che ovunque si chiude agli altri.

              1. Mentre Renzi e Calenda, vuoi mettere, apertissimi. Scuole private per i figli, mondo altoborghese, numeri chiusi, merito che significa merito di classe, privatizzazione beni comuni. Eh già, sono i poveracci quelli chiusi…
                Il progetto politico che è un generico contro Salvini. Per altro Salvini è liberista tanto quanto e poi ops, ma guarda guarda, governa la Lombardia!!!

                1. Del resto questa è la tradizione della sinistra: scindersi e schierarsi sempre contro qualcuno anziché per qualcosa. Due tattiche una più fallimentari dell’altra, ma le tante legnate prese alle elezioni non sono bastate a fargliele abbandonare.

                  1. mi piace il lamentarsi della “chiusura” da parte di chi appoggia precarizzazione del lavoro, diminuzione dello stato sociale, privatizzazione dell’istruzione, privatizzazione della sanità…
                    molto bello e molto coerente, mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...