Continuano a crederci imbecilli

Non ho tempo per scrivere, anche perchè mi sposo sabato.

Ma mi premeva ribadire il concetto, visto l’andazzo del governo Draghi.

Faccio solo la lista della spesa (e sicuramente manca qualcosa).

  1. Soldi per la sanità privata ma non per quella pubblica
  2. Privatizzazione strisciante di acqua e servizi (vedi alla voce concorrenza)
  3. Stupore indignato contro chi ha osato dichiarare lo sciopero
  4. aggiungere a piacere

Buon Natale a tutti.

Laura

30 comments

  1. ammettere di essere dei coglioni, ma portate pazienza

        1. Quando c’era Conte lo massacravano un giorno si e l’altro pure ed eravamo nel momento peggiore della pandemia con morti su morti. Se avesse imposto i vaccini lo avrebbero impiccato al primo albero.
          Almeno lui ci metteva la faccia.

          #imiglioritzè

          1. sottoscrivo Domì. Anche se Conte non era il mio sogno di bambina (cit.) vedo ora ancor più di allora che era meglio di questo.
            #manongliavrebberomailasciatoisoldi

            1. Pensando a chi potrebbe essere il prossimo PdR e il/la prossimo/a PdC, Conte sembra Lohengrin con tanto di cigno (Heiner dove sei?)

              #infermenland

              1. Ho dovuto mandare la figlia a scuola, per fortuna dono riuscita a vaccinarla con due dosi. Nella classe solo lei porta la ffp2 e un’insegnante disabile. Voglio uccidere tutti.

                1. In Abruzzo stiamo virando velocemente all’arancione.
                  Io ho fatto la terza dose ma dal medico di famiglia perchè questi fessi avevano chiuso un po’ di hub vaccinali e quando li hanno riaperti (in tutta fretta) le prenotazioni andavano a finire a marzo. Ho fatto Pfizer (mio marito a cui è toccato Moderna ha avuto qualche fastidio) e non ho avuto alcun tipo di effetto collaterale.

                  1. Tranquilli, Nessuna preoccupazione.Comportiamoci bene.

                    https://www.reggionline.com/covid-cambio-passo-necessario/
                    I numeri dei contagiati, esplosi nelle ultime settimane, non devono spaventare se non per la ricaduta statistica sui ricoveri. E per quello occorre ridurre il numero dei positivi. Una riflessione però è d’obbligo. La scienza concorda nel definire assai poco “contagiosi” i positivi asintomatici e vaccinati. Per loro è necessario ridurre il periodo di isolamento, rendere più facile il ritorno alla vita quotidiana, certo con l’obbligo di indossare la mascherina Ffp2. Giusto disporre regole meno restrittive per i vaccinati? Sì, perché solo riducendo il numero di non vaccinati ridurremo i ricoveri in ospedale.

                    Riceviamo ogni giorno mail e telefonate da asintomatici esasperati dall’attesa dell’sms dell’Ausl per poter fare il tampone con cui ottenere il certificato necessario per interrompere l’isolamento. Attese anche di 15 giorni, perché il banco è saltato e solo negli ultimi giorni la Regione ha cercato di mettere una pezza coinvolgendo le farmacie. Così non è avvenuto a Reggio, dove l’Ausl ha tenuto per sé la gestione dei tamponi di fine isolamento (dei positivi, per intenderci), lasciando alle farmacie solo quelli di fine quarantena.

                    La vita prosegue e l’Italia non può permettersi nuove chiusure e nemmeno di camminare quando tutti gli altri corrono. Dovremo imparare a convivere con il virus. E con attenzione potremo anche sconfiggerlo con una quotidianità responsabile, senza necessariamente invocare la didattica a distanza o nuovi lockdown. Comportiamoci bene, basterà.

                    Super giornalista

  2. Risposta generale.
    Sul perchè, beh…volevamo fare una bella festa e abbiamo cercato una scusa decente per invitare 60/70 persone.
    Per il resto grazie grazie per gli auguri.
    Baci

    1. “Amatevi l’un l’altro, ma non fatene una prigione d’amore:
      Piuttosto vi sia un moto di mare tra le sponde delle vostre anime.
      Riempitevi l’un l’altro le coppe, ma non bevete da un’unica coppa.
      Datevi sostentamento reciproco, ma non mangiate dello stesso pane.
      Cantate e danzate insieme e state allegri, ma ognuno di voi sia solo,
      Come sole sono le corde del liuto, benché vibrino di musica uguale.
      Donatevi il cuore, ma l’uno non sia di rifugio all’altro,
      Poiché solo la mano della vita può contenere i vostri cuori.
      E siate uniti, ma non troppo vicini;
      Le colonne del tempio si ergono distanti,
      E la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.”

  3. boia Lame, capitolare al matrimonio dopo una vita vissuta nel peccato.
    L’invidia, di noi disillusi (ma non pentiti), verso chi si approccia a questo passo con emozione

    1. Nooooooooooooooooooooooooooooo…… ma perchè?
      Vabbè…

      #noncisonopiùimitidiunavolta

      (lunga vita e prosperità) (cit.) 😉

      Aggiunta:
      le facce di pirla di chi lascia in mano ai fasciofelpati la scelta del PdR

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...