Cremona

Le multiutility e l’inceneritore

segnalato da Barbara G.

Inquinamento, qui più che viver bene si muore bene

artventuno.it, 17/12/2015

Cremona è una piccola città con una grande storia. Cremona è una piccola città con tante storie. Una di queste è quella della sua locazione, in mezzo alla pianura padana e dove non tira un filo di vento; un clima perfetto per una vocazione agricola e dell’allevamento; un clima perfetto per produrre vegetali ed allevare i bovini da latte, dai quali si ricava buona parte del latte consumato nell’Italia intera.

A Cremona c’era una raffineria, che per circa 60 anni ha inquinato la nostra aria e le nostre falde acquifere. Finalmente si è riusciti a chiuderla, ma nessuno parla di bonifica per paura di dover dichiarare che tutta la citta poggia su metri di profondità di terreni da buttare.

A Cremona, a pochi chilometri, esiste una delle più grandi acciaierie d’Europa. Che illumina la notte cremonese (la luce delle sue siviere si vede a km di distanza) e che, nonostante si tratti di un impianto di recente costruzioni e quindi all’avanguardia, da un certo punto di vista, non può non inquinare e regalare dei begli strati di depositi bruni sui campi circostanti. E nei nostri polmoni.

A Cremona esiste un inceneritore. Nel 1994 i cittadini avevano votato contro, ma a Cremona hanno costruito un inceneritore. Che dovrebbe essere spento perché è obsoleto. Perché inquina. Perché indirettamente ha ucciso molta gente (a Cremona non tira un filo di vento ed il prodotto della termovalorizzazione ristagna). Perché a Cremona la raccolta differenziata dei rifiuti è stata propriamente implementata e quindi nel giro di 2-3 anni l’inceneritore potrebbe essere spento. Come da programma. Come da piano e cavallo di battaglia elettorale della attuale Amministrazione comunale.

La multiutility che gestisce l’inceneritore a Cremona e province limitrofe si chiama Lgh. L’altro grande gestore lombardo si chiama A2A che gestisce, tra gli altri, anche l’inceneritore di Brescia. A Brescia e Cremona si respira l’aria peggiore della Lombardia; la Lombardia è in Pianura Padana; la Pianura Padana è una delle aree più inquinate al mondo. A2A detiene delle quote di Lgh, la maggioranza delle quali è di proprietà della municipalità. A2A vuole acquisire il 51% delle quote di Lgh; il Comune dice che questo renderebbe tutto, diciamo, più vantaggioso per la comunità; più smart.

Se si cede il 51% delle quote si perderà la sovranità ed A2A, come da programma, importerà rifiuti dal Sud, soprattutto dalla Campania per bruciarli nell’inceneritore e per produrre utile; la produzione dell’utile è l’obbiettivo di ogni impresa. La salute dei cittadini non è l’obbiettivo di ogni impresa.
I rifiuti verranno bruciati appresso ad una città dove non tira un filo di vento; in un impianto dove il Comune più nulla fondamentalmente potrà (il caso di quanto sta accadendo a Brescia, dovutamente il suo inceneritore, in questi giorni mi sembra emblematico). I rifiuti verranno bruciati appresso ad una città dove potremmo cominciare a pensare di dismettere l’inceneritore. Appresso ad una città inquinata.

A Cremona abbiamo avuto la raffineria, abbiamo l’acciaieria ed un inceneritore. A Cremona si muore di tumore. Si muore tanto di tumore. Inceneritore fa rima con tumore. L’inceneritore potremmo spegnerlo; e potremmo risparmiare sui reparti di terapia del dolore all’avanguardia, che mi fa più che altro pensare che a Cremona si muoia bene, più che viverci.

Ed i nostri politici locali ci dicono che sarà un’operazione vantaggiosa per la comunità. Un’operazione che ci esproprierebbe del controllo locale e diretto dell’inceneritore ma, nel contempo (e non ci vuole un economista per capirlo; io non lo sono), ci caricherebbe degli eventuali oneri di perdite azionarie nella misura del 49% sul totale. I guadagni non li considero, perché è ovunque ampiamente e chiaramente dimostrato che questo tipo di impianti di guadagni non ne produce. Questa operazione vantaggiosa lederebbe eventualmente, a discrezione di A2A, anche i diritti di chi lavora in Lgh.

E non si potrebbe decidere direttamente dello spegnimento dell’impianto, che funzionerebbe ancora per anni. Inquinando le nostre terre i cui prodotti agricoli, mi vien da dire (sarebbe opportuno qualcuno sollevasse l’argomento, prima o poi), non saranno poi così sani.
Inquinando le nostre terre, la nostra aria, e forme tumorali di vario genere.

E la nostra Amministrazione ha fatto di tutto per non informare. E la gente si sta lamentando, sta capendo, ma la nostra Amministrazione finge che tutto vada bene. che tutti siano d’accordo. Felici. E questa cosa mi rattrista davvero perché potrebbe davvero essere tutto diverso. Migliore. Migliorabile.

Domani i nostri amministratori, anche chi ha fatto dell’ecologia la sua bandiera, si incontreranno per discutere e firmare la cessione del 51% ad A2A. i giochi sembrano fatti.
Io lavoro in un’altra città, ma vivo a Cremona dove sono nato. E sto pensando di andarmene. Perché a Cremona si muore bene. Aiuto.

Nessuno si aspetta l’inquisizione spagnola

segnalato da Barbara G.

‘Inquisitori spagnoli’  al sit-in delle Sentinelle in piedi, in tre in Questura

cremonaoggi.it, 19/10/2015

Live from Cremona! Appena rilasciati dalla questura… portati via dalla manifestazione delle Sentinelle in Piedi solo perché eravamo vestiti così!

In tre, vestiti da inquisitori spagnoli come nei celebri sketch dei comici inglesi del collettivo Monty Python, sono finiti in Questura domenica pomeriggio per una protesta organizzata al fine di controbattere al sit-in contro le unioni civili delle “Sentinelle in piedi”.

Attorno alle 17 il trio ha inscenato la protesta, silenziosa e pacifica, presentandosi in piazza Duomo proprio mentre gli esponenti delle “Sentinelle in piedi” stazionavano “a difesa della famiglia tradizionale”. Vestiti in stile inquisizione spagnola i tre hanno messo in atto quella che, si apprende, hanno definito un’iniziativa a base di ironia realizzata per rispondere alle “Sentinelle”. Tutti e tre, identificati, sono poi stati lasciati liberi di tornare a casa.

Fra i tre c’è il bergamasco Giampietro Belotti, salito alla ribalta un anno fa per essere sceso in piazza a Bergamo durante un altro sit-in delle “Sentinelle in piedi” vestito da nazista dell’Illinois (citazione dal film The Blues Brothers). Domenica, a Cremona, Belotti è andato in piazza assieme a esponenti del locale collettivo satirico “Soccuadro” di Arcicomics.

AGGIORNAMENTO – Dalla Questura spiegano con una comunicazione ufficiale che i tre sono arrivati in piazza e si sono mischiati alle “Sentinelle in piedi”, per poi togliersi i cappotti e mostrare provocatoriamente i vestiti da inquisitori spagnoli. Poliziotti, aggiungono sempre da via dei Tribunali, sono intervenuti subito e hanno accompagnato i tre negli uffici per l’identificazione, senza tensioni. Altre due persone, un uomo e una donna, sono state identificate direttamente in piazza Duomo in occasione della stessa manifestazione delle “Sentinelle in piedi”: stavano per esporre cartelloni con riferimenti all’inquisizione spagnola che, su invito, hanno consegnato al personale della polizia.

Arcifesta a Cremona, fra TTIP e Landini

segnalato da Barbara G.

Giunta alla ventunesima edizione, Arci Festa 2015 si terrà da venerdì 24 luglio a lunedì 3 agosto presso il Parco delle Colonie Padane, a Cremona, a ingresso libero. Saranno undici giorni di pace, cultura e solidarietà, per una nuova società civile in movimento. Arci Festa è un progetto di cultura popolare: ogni sera incontri, dibattiti, musica, poesia, cultura e cucina. La festa raccoglie e valorizza i percorsi culturali e associativi del Comitato Territoriale di Arci Cremona e dei Circoli che lo compongono, nelle reti territoriali e con gli altri soggetti del Terzo Settore.

Di seguito il programma completo:

► venerdì 24 luglio 70 ANNI DI LIBERTÀ

ore 20:30 LIBERA MUSICA
concerto della banda di Anffas Cremona

ore 21:00 I CARNEFICI
con/vers/azione con DANIELE BIACCHESSI (scrittore)

ore 22:00 KING HOWL
concerto heavy blues rock

ore 00:00 McA dj set 100% rock’n’roll
__________________________________

► sabato 25 luglio STORIE POPOLARI

ore 21:00 A CASA DEL POPOLO
con/vers/azione con FRANCESCA CHIAVACCI (Presidente Arci nazionale) e ANTONIO FANELLI (ricercatore dell’Istituto Ernesto de Martino)

ore 22:00 KARNE MURTA
concerto dirty swing

ore 00:00 PASTASCIUTTA ANTIFASCISTA
in memoria dei sette FRATELLI CERVI
__________________________________

► domenica 26 luglio ALTRI MONDI POSSIBILI

ore 21:00 STOP TTIP
con/vers/azione con ORIELLA SAVOLDI (Segretaria Camera del Lavoro di Brescia), LUCA BASILE (Comitato STOP TTIP nazionale) e MAURIZIO DE MITRI (Comitato STOP TTIP Milano)

ore 22:00 RIO MEZZANINO
concerto indie folk rock
__________________________________

► lunedì 27 luglio UNIONS!

ore 21:00 COALIZIONE SOCIALE
con/vers/azione con MAURIZIO LANDINI (Segretario Generale FIOM-CGIL) e TIZIANA BARILLÀ (redattrice Left)

ore 22:00 RONIN
concerto post rock
_________________________________

► martedì 28 luglio EXPO DEI POPOLI

ore 21:00 UN’ALTRA RICETTA PER NUTRIRE IL PIANETA
con/vers/azione con EMANUELE PATTI, GRAZIANO FORTUNATO (Arci Lombardia) e BARBARA MEGGETTO (Segretaria Legambiente Lombardia)

ore 22:00 PAOLO BACCHETTA EGON’S
concerto jazz
_________________________________

► mercoledì 29 luglio QUESTIONI DI GENERE

ore 21:00 MADRI, COMUNQUE
con/vers/azione con SERENA MARCHI (giornalista, scrittrice)

ore 22:00 CARA
concerto rock d’autrice
in apertura: GLI OCCHIALI DI GIADA

ore 00:00 STATE COMODI
maratona di letture di sessualità varia
_________________________________

► giovedì 30 luglio CONTROVENTO

21:00 LA GUERRA È FINITA
L’Italia e l’uscita dal terrorismo 1980-1987
con/vers/azione con MONICA GALFRÉ (ricercatrice, scrittrice)

22:00 DEAD CANDIES
VALÉRY LARBAUD
concerto rock new wave
concerto rock d’autore
_________________________________

► venerdì 31 luglio PONTI, NON MURI

ore 21:00 CAPOEIRA E GLOBALIZZAZIONE
con/vers/azione con MESTRE MORAES

ore 22:00 KHAOSSIA
concerto etno salentino

ore 00:00 BOOKTRAILER
Un libro, un luogo, una storia
FABIO GEDA Nel mare ci sono i coccodrilli
a cura di MARIO FERABOLI, partecipa CLAUDIA NOCI
_________________________________

► sabato 1 agosto SEGNI E LINGUAGGI

21:00 LINUS
Storia di una rivoluzione nata per gioco
con/vers/azione con PAOLO INTERDONATO (giornalista, scrittore) e MASSIMO GALLETTI

22:00 THE CYBORGS
concerto blues boogie rock

ore 00:00 LE MURA DI SANA’A
proiezione del film di PIER PAOLO PASOLINI (1971, 16′)
_________________________________

► domenica 2 agosto CONTRO TUTTE LE MAFIE

ore 21:00 VENTI LIBERI 1995-2015
Vent’anni di Libera contro le mafie
con/vers/azione con rappresentanti di Libera – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie

ore 22:00 LATE NEWS BREAKING
concerto progressive funk rock
_________________________________

► lunedì 3 agosto GIOVANI

ore 21:00 GIOVANI E VULNERABILITÀ
con/vers/azione con i partner del progetto Alleanza contro la povertà

ore 22:00 ROCK ‘N’ ROLL HIGH SCHOOL
il concertone estivo dei gruppi musicali studenteschi e giovanili
un graffio giovane sulla città
ONE OFF
DERVISCI

ore 00:00 BRINDISI DI ARRIVEDERCI
alla 22ª ARCI FESTA 2016!
_________________________________

► tutti i giorni dalle 19:00 alle 01:00

ARCI TENDA Circoli, campagne, progetti, servizi Arci Cremona
ASSOCIAZIONI volontariato, cooperazione, economia solidale
LIBRERIA mostra Dalla Resistenza alla cittadinanza attiva
BAR acqua pubblica, vino, birra artigianale, cocktail
CUCINA nostrana, vegetariana, biologica, migrante, antimafie
PIZZERIA forno elettrico
HOBBISTI autoproduzioni, vinili, usato
_________________________________

► domenica 26 luglio ore 18:00
VISITA GUIDATA AL PARCO DELLE EX COLONIE PADANE
a cura di ANGELO GIUSEPPE LANDI
_________________________________

► dal 24 luglio al 2 agosto ore 20:00
¼ D’ORA. Poesia, poeti, tautogrammi e rime
a cura di GIOVANNI UGGERI
_________________________________

in collaborazione con

Circolo Arcipelago
Circolo Arcicomics
Circolo Arci Ponti di Memoria
Lega di Cultura di Piadena
Alleanza contro la povertà
Grupo de Capoeira Angola Cremona
Expo dei Popoli – Milano 2015
Libera – Associazioni, Nomi e Numeri contro le mafie
Circolo Arcigay Cremona La Rocca
FIOM-CGIL
Rete Donne Cremona – Se Non Ora Quando?
Libreria del Convegno
Timpetill
Anffas Cremona
_________________________________

per maggiori info clicca qui

www.arcicremona.org

L’amore (im)possibile

segnalato da Barbara G

A Cremona il 23/05 si parlerà di diritti civili, regolamentazione delle convivenze, matrimonio fra persone dello stesso sesso. Lo faremo con Elly Schlein, Gabriele Piazzoni di arcigay, Luigi Lipara (consigliere comunale), e con un intervento di Daniele Viotti.

SpazioComune, piazza Stradivari 7, ore 15.

Evento facebook QUI

amore-impossibile