ISTAT

Solo lavoro povero per le donne

Francesca Re David (Fiom): «Solo lavoro povero per le donne in Italia»

Occupazione. Intervista alla segretaria Fiom Francesca Re David sui dati Istat, sbandierati da Boschi e Renzi.

di Adriana Pollice – ilmanifesto.info, 2 agosto 2017

L’occupazione femminile cresce in Italia: spiega l’Istat che la percentuale di donne che lavorano ha raggiunto lo scorso giugno il 48,8%. Il risultato più alto da quando sono cominciate le serie storiche, nel 1977. La sottosegretaria alla presidenza del Consiglio, Maria Elena Boschi, ha esultato: «Qualcuno può ancora negare il successo del Jobs act?». Il segretario del Pd, Matteo Renzi, ha scritto nella sua enews del 31 luglio: «Il Jobs act funziona. E finalmente non lo mette in dubbio più nessuno».

Eppure il dato non dovrebbe suscitare troppo entusiasmo visto che la media europea è del 65,3%: si va dal 70% della Germania al 55% della Spagna. Il segmento che ha avuto la crescita maggiore di posti di lavoro è quello tra i 55 e i 64 anni (in tre anni è aumentato del 23%). Infine, oltre due terzi dell’aumento riguarda contratti a tempo determinato, mentre i contratti a tempo indeterminato risultano stabili. Chiara Saraceno su Repubblica ha attribuito il dato all’effetto della riforma delle pensioni targata Elsa Fornero e non al Jobs Act, visto anche l’assenza di crescita del tempo indeterminato. Francesca Re David, segretaria generale della Fiom, sottolinea un altro aspetto: «Si tratta di un tipo di lavoro così precario e sfruttato che, in questo senso, è un effetto del Jobs act».

Re David, come vanno letti i dati sull’occupazione femminile?
Dal Jobs act in poi la crescita degli assunti riguarda quasi sempre gli ultra cinquantenni. La disoccupazione giovanile è la più alta in Europa dopo la Grecia. La riforma del lavoro voluta da Renzi ha reso i licenziamenti più facili, una tendenza cominciata con l’articolo 18 della riforma Fornero: chi ha perso il posto o vive in una famiglia a rischio povertà, visto anche quanto poco viene pagato il lavoro operaio, ha scelto di accettare qualsiasi offerta, anche con paghe bassissime. E poi l’Istat inserisce nel calcolo anche chi ha lavorato solo un’ora nella settimana della rilevazione. Possiamo considerarla occupazione?

La crescita riguarda soprattutto i contratti a termine
Il dato riguarda le forme di lavoro che hanno un termine, cioè anche tipi di occupazione meno strutturati rispetto ai contratti a termine in senso stretto, che includono condizioni di lavoro migliori e maggiori diritti sindacali. Si tratta, in molti casi, di lavoro poverissimo. La crescita sbandierata a giugno arriva dopo un mese di maggio in negativo. La prova del nove ce la dà l’inflazione che non cresce, questo vuol dire che le famiglie non spendono perché ancora inchiodate dalla crisi, preoccupate della sussistenza. Le donne, poi, tradizionalmente occupano posti nel terziario e nei servizi alla persona, un segmento fortemente svalutato dal punto di vista dei compensi.

Nel terzo trimestre del 2016 il tasso di occupazione femminile al Nord era del 57,8%, in linea con l’Europa, mentre al Sud era fermo al 32,3%. Una tendenza che sembra proseguire.

I dati nel Mezzogiorno sono drammatici. Per cominciare, la disoccupazione giovanile è più alta di quella greca. In Italia le donne guadagnano comunque meno degli uomini ma al Sud si attestano su redditi bassi anche in virtù di una minore scolarizzazione, con un tasso di laureate più basso rispetto al settentrione. Al Nord reggono i grandi gruppi ma l’economia è comunque ferma perché manca una politica industriale. I finanziamenti a pioggia, voluti dal governo Renzi, non servono a invertire la rotta: i soldi vanno dove ci sono i soldi. Così il Mezzogiorno, e le donne, restano bloccati.

Annunci

Stabiltà instabile

segnalato da barbarasiberiana

IL GIUSLAVORISTA: “SENZA L’ARTICOLO 18 LE NUOVE ASSUNZIONI SONO A TERMINE”

Michele Tiraboschi: ogni anno stipuliamo tanti contratti, ma l’occupazione resta stagnante

di Paolo Baroni – lastampa.it, 12/05/2015

«Sui nuovi occupati i dati veri sono quelli delle rilevazioni ufficiali Istat», avvisa Michele Tiraboschi, giuslavorista e direttore del centro studi sul lavoro Adapt-Marco Biagi. «Queste dell’Inps sono dati amministrativi – spiega – elaborazioni ricavate dalle comunicazioni obbligatorie dei datori di lavoro al ministero: è un susseguirsi di dati e stime a fini politici nel momento in cui si discute se il Jobs act funziona o meno».

I dati veri, quelli dell’Istat, allora cosa ci dicono?

«Che ogni anno stipuliamo tanti nuovi contratti, ma che l’occupazione è stagnante. In un anno di riforme del lavoro, da marzo 2014 quando è partita la liberalizzazione, cui poi ha fatto seguito il contratto a tutele crescenti e tutto il resto, a marzo i posti in più sono 30 mila».

Ma perchè tra Inps e Istat i dati sono così distanti tra loro?

«Perchè i dati sulle comunicazioni obbligatorie tengono conto solo del numero dei nuovi contratti stipulati che possono essere a termine di apprendistato, tirocini e può capitare che in un anno una stessa persona venga computata anche dieci volte. L’Istat invece ci fornisce dati reali, elaborati in base ad una specifica campionatura, e calcola i posti di lavoro effettivi».

Ma se ormai da mesi i contratti a tempo indeterminato stanno aumentando i due dati non dovrebbero ad avvicinarsi?

«No. Perché un conto sono le assunzioni aggiuntive e un altro le stabilizzazioni e le trasformazioni di contratti già in essere, di una persona che già lavorava, magari con un contratto a termine o di apprendistato».

Il ministro del Lavoro Poletti sostiene che anche riuscire ad aumentare la qualità del lavoro, riducendo la precarietà, è un risultato importante.

«Io sono un tecnico, non faccio valutazioni politiche. Partiamo dal piano tecnico: facile dire che aumentano i contratti stabili, ma non dimentichiamoci che sono contratti senza articolo 18. Dopo uno, due o tre anni di esonero contributivo io posso lasciare a casa il lavoratore pagando da 4 a 6 mensilità di indennizzo. Trovo contraddittorio fare la propaganda contro la precarietà e poi festeggiare perché ci sono più contratti stabili, ma di questo tipo».

E quale valutazione economica da invece?

«Lo sgravio contributivo costa 15 miliardi di minori entrate. Rinunciare a questa fetta di soldi avrebbe senso se si obbligasse le imprese ad assumere persone in più. E secondo i consulenti mancano almeno 3 miliardi di coperture, io dico 5 miliardi. Per cui questa operazione costerebbe 20 miliardi».

Per produrre cosa?

«Non certo stabilità senza articolo 18. Bastano seimila euro di indennizzo ed un lavoratore con contratti a tempo indeterminato a tutele crescenti può essere lasciato a casa. Adesso è più stabile un contratto a tempo determinato di tre anni rispetto ad un contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti».