Sala macchine

Lavori in corso e manutenzione blog

Arthur’s theme

di Barbara G.

Arturo Arturo….

Per fare cosa?

Voglio essere diretta. Questo blog è in piedi perché, con molta fatica, ci alterniamo in due nella gestione della baracca. La qualità del “postato” è, secondo me, diminuita rispetto ai tempi d’oro, perché si ha meno tempo per cercare materiale interessante e, soprattutto, non c’è il tempo per scrivere qualcosa di originale (o si fa l’uno o si fa l’altro…). Inoltre se il 95% del materiale postato è scelto da un paio di persone è naturale che non si riesca a variare più di tanto negli argomenti (esempio pratico: siccome non capisco una cippa di economia difficilmente potrò proporre un articolo sul tema). Inoltre: mentre in precedenza ci arrivavano dai passeggeri proposte su articoli da postare, ora ciò succede molto meno di frequente. Post originali non ne arrivano praticamente più.

So che queste cose le ho già scritte diverse volte. Non mi ripeto per fare la lagna, ma perché ho bisogno che sia chiaro a tutti quella che è la situazione attuale.

Domanda: cosa vogliamo fare “da grandi”?

Vogliamo ridare un po’ di vita a questo bar virtuale, facendolo tornare ad essere un circolino, o ci accontentiamo di un bar dove andare occasionalmente per sbronzarci (e sappiamo che c’è chi ha la sbronza allegra e chi ce l’ha molesta)?

Arturo: Sun ha creato la pagina del treno.

La domanda fondamentale è: cosa vogliamo farne?

Dalla risposta a questa domanda ne nasce una nuova: chi, materialmente, la può gestire?

Arturo Transiberiano può essere una semplice boutade, giusto per far comparire il segnalino su Novosibirsk (prima che lo faccia qualcun altro, e credo che sia chiaro a chi mi riferisco), ma se non viene gestito da boutade diventa una boutanade. Una pagina del genere, secondo me, deve interagire un po’ con altri profili. Mica come l’account ufficiale del treno, che, salvo qualche eccezione, viene usato solo per condividere gli articoli, nessuno ha tempo di gestirlo come si deve.

Potrebbe però essere utile per far conoscere il blog, e magari portare qui qualche persona nuova, vivacizzare il treno. Ma chi lo fa?

Ve lo dico molto chiaramente: non contate su di me. Non ho tempo, oltre a questo blog ne gestisco altri due e, oltre a lavorare e a crescere un figlio, sto cercando di combinare qualcosa nel mondo reale oltre che in quello virtuale.

Intanto: io ricondivido l’account arturo su quello siberiano e vedo di far capire che c’è vita arturiana anche a Novosobirsk, intanto cerchiamo di chiarirci le idee.

Nel frattempo vi omaggio di questo piccolo ricordo di infanzia.

Buonanotte.

Annunci

Comunicazione di servizio

Visto che ho risposto ad un commento ma non si riesce a leggere la suddetta risposta, scrivo qui.

Alcuni commenti figurano nello storico ma non si riesce a visualizzarli. Sono entrata col cellulare e sembrano inseriti regolarmente. Insomma, non sono nello spam. Non so che cavolo sta succedendo, domani mattina provo col PC.

Altrimenti mi tocca associarmi a transi: Ciarli!!!

Faccialibro e altre stranezze

di Barbara G.

I macchinisti hanno una comunicazione da farvi.

Abbiamo deciso di rendere più green questo mezzo di locomozione, quindi non usiamo più il carbone ma a turno scendiamo a spingere….

No, tranquilli. Il motivo è un altro.

Il fatto che qualche giorno fa si sia appalesato il profilo twitter degli ormai inesistenti Siberiani per Civati ci ha messo  un tanticchia in apprensione. Probabilmente a nessuno verrà mai in mente di fregarci il nome, ma siccome non si sa mai… che a QUALCUNA venga in mente di registrare la Transiberiana… abbiamo deciso di aprire la pagina facebook. Come forse i più attenti avranno notato… è comparso il pulsante facebook in basso a destra sulla pagina. E pure twitter. Con tanto di cronologia sempre in basso a destra.

E comunque, la pagina la trovate QUI.

E su twitter siamo @Transiberiani. Così anche m2c troverà la sua giusta dimensione.

Vi diciamo subito che non avremo molto tempo per rispondere a commenti vari, ma almeno i post compariranno anche lì, e magari qualcun altro vorrà intraprendere questo viaggio con noi… se poi vorrà mandare post originali non è che li schifiamo… 😉

P.S. Qualcuno vuole offrirsi volontario per gestire l’account twitter?

Socrate et alia

Cari Amici,
di seguito un breve quadro riassuntivo (con opzioni) delle proposte che sono state avanzate nei giorni scorsi per dare il nostro contributo alla causa greca. Vi chiediamo di esprimere opinioni e preferenze e di offrire la vostra generosa collaborazione ( 🙂 ).

[Gli autori delle singole proposte possono precisarle meglio e/o correggere eventuali errori riportati in questo post]

1) Socrate (testo di Nammgiuseppe):
a. Appello con raccolta firme e donazioni via avaaz.org o altro canale.
b. Appello con raccolta firme tradotto in quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) da diffondere in modo virale Urbi et Orbi (proposta di Ciarli*). Da definire la questione delle donazioni. Naturalmente in questo caso avremmo bisogno di volenterosi traduttori…

2) Raccolta fondi: preferenza per S4A che, però, sembra avere qualche complicazione/difetto nel meccanismo di donazione. Boka sta traducendo in italiano un corposo documento scaricato dal sito di S4A da pubblicare sui Transiberiani e, possibilmente, sullo stesso sito di provenienza (previo consenso), allo scopo di favorire le donazioni. N.C.60 ha preso contatto col suo referente di zona della Lista Tsipras per cercare di ottenere la necessaria autorizzazione.

3) Idea Net.Art di Boka: le firme generano una qualche immagine in progress.

4) Idea prankster di Ciarli*: un qualche genere di messaggio fortemente ironico e provocatorio che attiri l’attenzione anche dei media. Esempio: proponiamo di sostituirci, in parte, alla Germania nel rimborsare i suoi debiti di guerra verso la Grecia, dato che i tedeschi non li vogliono riconoscere.

*Ciarli suggerisce di concentrarci su un’idea sola per realizzarla al meglio.

La decisione

Caro Michele,
come ti ho detto, quest’anno non intendo rinnovare la tessera del Pd e ti comunico con questa mia la decisione di dimettermi dal direttivo del circolo.
Lo faccio con dispiacere nei confronti delle persone che ho conosciuto nel circolo, tutte belle persone, e dove ho visto fare cose buone e con gran buona volontà e sincerità di intenti. Ma il buon lavoro del circolo non è l’unico livello a cui, rimanendo nel Pd, continuerei a dare la mia adesione. Ci sono anche livelli più ampi e credo che non sarebbe onesto da parte mia continuare ad aderire ad un partito che, secondo me, ha preso una direzione sbagliata.
Non parlo di tecnicalità (questa o quella legge elettorale, una o l’altra decisione su chi fa che cosa). Parlo delle linee di fondo.
Da tempo sono convinta che riusciremo ad uscire (in Italia, ma anche in Europa) da questa crisi “secolare” solo capendo che dobbiamo cambiare radicalmente il nostro modello sociale ed economico.
Posso discutere a lungo, con chi lo vuole, su che cosa io penso che si dovrebbe fare. Ma questa resta, per il momento, opinione personale.
Quel che però oggi mi allontana dal Pd sono le scelte che sono state fatte e che vanno verso una società molto competitiva, che non riconosce e non vuole cambiare i meccanismi profondi che determinano una disuguaglianza sociale mai vista prima. Una società che divora se stessa e la terra in modo insostenibile.
Non usciremo da questa crisi (dalla quale ci dicono, da sette anni, che stiamo per uscire) spingendo ancora più a fondo sul motore della competitività, come invece il Pd e il governo stanno facendo.
Siamo dentro degli orribili e giganteschi “hunger games” dove alla fine non vince l’eroe, ma perdiamo tutti a favore di un manipolo di omuncoli dediti all’avidità più sfrenata.
Per me questo è il punto nodale del nostro periodo storico e se il mio partito non riconosce e affronta questo nodo, allora non è più il mio partito.
Perché non si tratta di “migliorare” le cose, di ritoccare qua e là. Siamo in un vicolo cieco, socialmente e storicamente. Ma continuiamo a spingere per trovare un’uscita che non c’è. Quindi sprechiamo quantità enormi di energia per un risultato che non ci può essere. E i fatti crudi (i numeri economici) lo dichiarano spietatamente.
La conseguenza logica, prima ancora che politica, di quel che ti ho detto è che la mia energia e il mio lavoro (per infinitesimale che sia) non possono sostenere questo errore.
Con rispetto immutato
Laura Mezzanotte

Nymphopingon volume 1

Buongiorno balordoni del mio cuore,

non disperate: sono qua.

Vi leggo e vi derido come sempre.

Sono state delle settimane difficili, purtroppo è mancata un’amica e avevo bisogno di riposare la mente, diciamo.

Ora torno e vi cazzio.

Novità?

Matrimoni?

Divorzi?

Qualcuno beccato da Signorini a trans?

Un resocontino del raduno? Mario si è ubriacato?

La Pingon.

Raduno Siberiano bollettino #4

del sig. Mario (cit.) De Fusco

RADUNO SIBERIANO – 20 SETTEMBRE 2014

Dopo l’ultima verifica fra ieri e questa mattina, il numero dei partecipanti si è fermato a 5 (io, Marco, Andrea, Lame e Boka) + Sundance che ci raggiunge in loco. Anche Antonella ha dato forfait, non avendo trovato soluzione ai suoi problemi ferroviari. Al momento, l’unica che si potrebbe aggiungere, anche se è molto difficile, è Ste (uso i nick per maggior chiarezza).

Ho, pertanto, provveduto a riconfermare queste 5 camere in albergo avvisando che qualcun altro potrebbe arrivare last minute, ma con camera, a quel punto, da confermare.

Gli eventuali partecipanti dell’ultima ora (graditissimi) possono contattare me o direttamente l’albergo.

Notizie per i partecipanti:

1) Visto il numero, ho ritenuto inutile bloccare sale riunioni o prefissare pasti precisi. Penso che possiamo tranquillamente e informalmente riunirci in albergo e decidere al momento cosa fare e dove andare a mangiare.

2) Come orario, pensavo, grosso modo, di vederci dalla mezza mattinata in poi. Non c’è, ovviamente, un orario preciso, arrivando tutti da posti diversi e con mezzi diversi. Personalmente credo di essere lì intorno alle 10.00/10.30.

3) La prenotazione è stata fatta collettivamente a nome “Raduno Siberiano”. Chi dovesse arrivare prima faccia riferimento a quello.

Non credo di avere altro da aggiungere per il momento e rimango sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento e/o necessità sia in via privata che via blog.

Un abbraccio a tutti, Mario

mariodefusco51@gmail.com

mariodefusco@alice.it

Raduno Siberiano bollettino #3

del sig. Mario (cit.) De Fusco

RADUNO SIBERIANO – 20 SETTEMBRE 2014

Un saluto a tutti.

Poiché, come già detto, entro domani dovrei dare conferma definitiva all’albergo, ho fatto un primo riepilogo (non esaltante) degli aderenti.

Al momento hanno confermato (oltre a me, ovviamente) Andrea, Marco, Lame, Antonio Boka. Si aggiungerà in loco, abitando vicino, Sundance. Sto aspettando conferma da Antonella, che aveva problemi con i treni, e da Barbara G. Ste mi ha contattato privatamente per dirmi che, salvo novità last minute, non riesce a venire.

Questa è la situazione. Ho dimenticato qualcuno o qualcosa? C’è ancora qualcuno interessato? Qualcuno che vorrebbe, ma non è ancora sicuro? Aspetto comunicazioni in giornata o, al massimo, entro domani in mattinata.

Grazie a tutti

Un abbraccio, Mario

mariodefusco51@gmail.com

mariodefusco@alice.it

Raduno Siberiano bollettino #2

del sig. Mario (cit.) De Fusco

RADUNO SIBERIANO – 20 SETTEMBRE 2014

Come promesso, sono riuscito a trovare la sistemazione per il nostro Raduno Siberiano. Per il momento ho bloccato una ventina di camere di vario tipo. Ho pure richiesto un pranzo leggero e una cena più robusta per il 20 settembre, nonché una saletta per riunirci dalla mattinata del sabato (la saletta è gratuita solo se usata un paio d’ore al mattino, altrimenti il costo per la giornata è di 250 Euro).

Di seguito le informazioni:

Hotel Plaza e De Russie, Piazza Massimo D’Azeglio 1, Viareggio (www.plazaederussie.com)

– tel.: 0584/44449; mail: info@plazaederussie.com

 Tariffe:

– Euro 70,00 per camera singola

– Euro 90,00 per camera doppia o matrimoniale

– Euro 60,00 a persona per i due pasti a menu unico e da concordare (vino e caffè inclusi).

Conferme:

Devo dare conferma di tutto entro lunedì 15 Settembre.

L’accordo prevede il pagamento diretto in albergo da parte di ciascuno per la propria quota.

Vi prego, pertanto, di volermi confermare la vostra presenza indicando il numero di persone e il tipo di camera (singola, doppia/matrimoniale, tripla). Tenete presente che le tariffe indicate si riferiscono a un numero minimo di partecipanti superiore alle 10 persone. Fossimo di meno, potrebbero lievitare.

Attendo fiducioso la vostra massiccia partecipazione e le adesioni, che potete inviare o direttamente a me (mariodefusco51@gmail.com oppure mariodefusco@alice.it) o anche via blog.

Mi raccomando la sollecitudine!

Grazie e un abbraccio a tutti. Mario De Fusco

Raduno Siberiano bollettino #1

del sig. Mario (cit.) De Fusco

RADUNO SIBERIANO – 20 SETTEMBRE 2014

Contrariamente a quello che qualcuno può aver pensato, non mi sono dimenticato dell’evento. So che siamo già al 10 e non avete avuto più notizie. I motivi sono essenzialmente due :

1) Per quanto riguarda l’albergo o alberghi, mi sono accorto che ai primi contatti o facevano difficoltà a dare disponibilità, oppure sparavano tariffe francamente ingiustificate. Per questo motivo ho optato per una ricerca last minute che può essere rischiosa, ma spesso dà risultati soddisfacenti.

2) Molti di voi, seppur interessati, non sapevano se potevano partecipare o meno per i motivi più diversi. Spero che ad oggi più o meno tutti siate in grado di confermare o meno la partecipazione.

Se siete d’accordo, procederemo un po’ a tappe forzate. Nei prossimi 2/3 giorni vi informerò sull’albergo/i trovato e relativo costo. A quel punto dovrete confermarmi quasi immediatamente la vostra partecipazione e il tipo di camera che vi necessita.

Sempre a disposizione per qualsiasi chiarimento e/o necessità, un cordiale saluto a tutti.

Mario

PS : per chi lo avesse dimenticato ricordo che l’incontro è previsto a Viareggio.

Recapito utile: mariodefusco51@gmail.com